“La Casa Segreta”, cultura a sostegno del Centro Anti Violenza

L’evento benefico promosso dal Rotary Club Valdelsa si svolgerà domani, 8 marzo, al teatro del Popolo di Colle di Val d’Elsa

COLLE DI VAL D’ELSA.  Un 8 marzo diverso, dedicato alla donna attraverso un evento di cultura e solidarietà a sostegno del Centro Anti Violenza e in particolare della casa rifugio. Questo è “La casa segreta”, evento che si svolgerà domani, mercoledì 8 marzo, al teatro del Popolo di Colle di Val d’Elsa.  “Una serata promossa dal Rotary Club Valdesa che ringraziamo per la sensibilità e l’impegno – dice Lucia Coccheri, presidente del Centro Pari Opportunità Valdelsa – Ringraziamo il presidente Maria Antonietta Cruciata, Paola Partini Pesucci per il coordinamento, e tutti coloro che hanno dato il loro contributo alla realizzazione dell’evento. L’invito è a partecipare a questa serata che si pone l’obiettivo di sostenere un importante strumento a disposizione sul territorio per aiutare le donne”. L’evento “La casa segreta” è patrocinato dalla Regione Toscana e dai Comuni della Valdelsa fiorentina e senese. Il ricavato della serata sarà interamente devoluto al progetto della casa a indirizzo segreto nata per dare rifugio e accoglienza alle donne e minori vittime di abusi e violenze. Si tratta di un progetto avviato dal Centro Anti Violenza Valdelsa e dal Centro Pari Opportunità che, solo nel 2016, hanno assistito 56 donne e altrettanti minori coinvolti in situazioni di violenza. Le donne e i minori che hanno subito violenza hanno bisogno di essere curate, assistite psicologicamente e accompagnate in un percorso di ricostruzione della propria vita che inizia solo se vi è la possibilità concreta di allontanamento dalla casa del convivente violento.

L’evento “La Casa Segreta”. L’iniziativa si svolgerà a partire dalle 21 al teatro del Popolo con uno spettacolo di prosa e danza finalizzato a richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica sui diritti umani e in particolare sui diritti delle donne. Momenti di arte che invitano alla riflessione. Due le parti in cui è suddiviso lo spettacolo.  Si inizia con “La città di plastica. Nel giardino dei sogni” di Silvia Resta e Francesco Zarzana, con Claudia Campagnola, regia Norma Martelli, poesia di Forough Farrokhzad letta da Antonella Civale. Spettacolo prodotto dalla Compagnia della Luna. Si prosegue con “Il grido negato” di A.S.D. Scuola Danza San Gimignano – Gruppo Danza Impeti. Spettacolo messo in scena, con le coreografie di Luisa Guicciardini, dalle danzatrici della Scuola di San Gimignano Sara Bocci, Diletta Furesi, Chiara Mazzoni, Elisa Lapi, Silvia Lavecchia, Jennifer Pistelli, Sophie Simonyi. Per finire “Step”, performance artistica a cura di Alice Leolini e Leonardo Scelfo.

Costo del biglietto 10 euro (informazioni e prenotazioni al 338 8648164).

Apericena dalle 19,30 presso Bottega Roots (10 euro, prenotazione necessaria).