Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

“In-Flussi” replica a Siena. Seguito dai talenti del Centro Internazionale d’Arte 

Il 7 Giugno al Teatro dei Rozzi di Siena 4 continenti, 14 Stati e tanti giovani talenti

SIENA.  Dopo il grande successo ottenuto il 18 Maggio scorso al Teatro Alfieri di Castelnuovo Berardenga, lo spettacolo “IN-FLUSSI” replica il 7 giugno alle ore 21:15 al Teatro dei Rozzi di Siena

“IN-FLUSSI” è una produzione di MOTUS realizzata con giovani provenienti da Azerbaigian, Burkina Faso, Cile, Cina, Colombia, Gambia, Giappone, Guinea, Italia, Nigeria, Pakistan, Russia, Senegal, Turchia. I giovani non avevano alcuna esperienza di danza o teatro ma grazie al progetto “IN-FLUSSI”sono stati accompagnati in un percorso laboratoriale realizzato da MOTUS da Dicembre 2018 a Giugno 2019. Il progetto, che ha una portata nazionale, è stato finanziato dalla Regione Toscana e dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ed è realizzato da MOTUS in collaborazione con Comune di Castelnuovo Berardenga, Università per Stranieri di Siena, Visionaria, Arcisolidarietà Provinciale Siena e Oxfam Italia Intercultura. 

Obiettivo del progetto IN-FLUSSI, dal quale prende il nome lo spettacolo,è quello di aprire spazi di condivisione, di scambio vero e autentico per sensibilizzare l’opinione pubblica sul valore delle differenze, partendo dal presupposto che, nel grande mare delle culture, non esistono flussi monodirezionali.

Lo spettacolo racconta incontri tra persone diverse che condividono una unica ed uguale umanità, ed è interpretato da Aichatou Cherif, Jacopo Desiato, Ilaria Fratantuono, Yao Huang, Elvira Ismagilova, Friki Keita, Cinzia Licursi, Roberta Morello, Felisia Nicoletti, Roland Nzembi, Tatiana Salazar, Andrea Cecilia Searle, Rahman Shah, Mattia Solanosu coreografie di Simona Cieri e regia di Rosanna e Simona Cieri. 

A seguire “Il futuro è servito”, spettacolo con coreografie di Simona Cieri che conclude l’anno accademico del Centro Internazionale d’Arte, sede operativa, performativa e didattica della Compagnia MOTUS, fondata a Siena nel 2000 da Simona Cieri. 

Anche quest’anno, il Centro celebra la fine dell’anno accademico con uno spettacolo dal titolo esplicativo, che affronta il tema dell’alimentazione. Ad oggi nel mondo, sono un miliardo le persone che soffrono la fame rischiando di morire per carenza di cibo, mentre un miliardo e duecento milioni sono obese o in sovrappeso, affette da malattie causate da un consumo eccessivo di alimenti di pessima qualità. Lo spettacolo, interpretato dai giovani e giovanissimi danzatori del Centro Internazionale d’Arte che indossano i fantasiosi costumi ideati da Mirko Bolognesi, lancia un messaggio importante: per vivere in salute, in un mondo meno inquinato, nel rispetto dell’ambiente e delle generazioni future, è necessario modificare le nostre abitudini, prima fra tutte la nostra dieta.Perché, in fondo, noi siamo quello che mangiamo.

Il costo del biglietto è di €10 intero, € 8 ridotto. La biglietteria del teatro sarà aperta a partire dalle ore 18 del 7 giugno.

Per informazioni e prenotazioni è possibile scrivere a info@motusdanza.it o telefonare allo 0577 286980.