Debutta al Chigiana International festival il pianista Gerzenberg

A Siena, Gerzenberg presenta una triade di composizioni per pianoforte impreziosite dall’intervento ai live electronics di Alvise Vidolin e Nicola Bernardini

SIENA. Sabato 28 luglio, alle 21,15 nella Chiesa di S. Agostino, debutta sul palcoscenico del Chigiana International Festival il pianista ventiduenne Anton Gerzenberg, definito dall’Hamburg Abendblatt “un poeta” della tastiera. Figlio d’arte (della pianista Lilya Zilberstein), Gerzenberg è una stella nascente nel firmamento d’interpreti musicali particolarmente dediti al repertorio contemporaneo, che affronta sia in veste solistica sia in duo, in collaborazione con artisti del calibro di Marta Argerich e Dora Schwarzenberg, e in formazione stabile con il fratello Daniel.
 
A Siena, Gerzenberg presenta una triade di composizioni per pianoforte impreziosite dall’intervento ai live electronics di Alvise Vidolin e Nicola Bernardini. Il programma prende le mosse da una rielaborazione originale di un classico di Robert Schumann, tra i primissimi grandi compositori per pianoforte a rivolgersi all’ideale “freschezza del mondo dell’infanzia”, cui dedica i Kinderszenen (Scene infantili) op. 15, del 1838, concepite in realtà come «souvenir per adulti» «per un grande bambino», come annota lo stesso compositore a margine della partitura. Oltre ad iniziare con Schumann, il concerto finisce sulle note del compositore tedesco, con la Sonata l l’op. 11, la prima di un trittico di sonate affrontate, come molti altri compositori romantici, nei primi anni di carriera. Scritta nel 1835, è stata ispirata dalla futura moglie, nonché grande pianista, Clara. Frutto della particolare visione romantica di Schumann, la sua prima edizione, portava infatti la semplice e significativa dedica «Per Clara, da Florestano ed Eusebio».
 
Primo dei due brani collocati al centro del programma, Luzifers Traum (Il sogno di Lucifero), del 1981, di Karlheinz Stockhausen costituisce la prima scena dell’opera drammatico-musicale Samstag aus Licht (Sabato da Luce), come parte del ciclo operistico in sette parti Licht. Ispirato alla figura di Lucifero, protagonista di Samstag (sabato, il giorno della morte, e della resurrezione, che evoca la transizione della notte verso la luce) il brano è conosciuto anche come Klavierstück XIII (Pezzo per pianoforte 13), giacché era originariamente pensato per questo strumento solista. In seguito furono aggiunti quattro voci soliste di basso, che saranno qui riprodotte dall’intervento in live electronics di Nicola Bernardini e Alvise Vidolin.
 
La seconda composizione al centro del programma, scritta nel 1976, è la seconda opera di Luigi Nono in cui il pianoforte gioca un ruolo centrale (questa volta senza orchestra e voce, ma anche con nastro). Intitolata… sofferte onde serene… ha al suo centro le peculiarità della tecnica pianistica di Maurizio Pollini, cui la pagina è dedicata. Qui l’uso del pianoforte sembra soprattutto orientato sull’analisi del suo potenziale sonoro, in una costante dialettica tra il materiale proposto e la sua decomposizione interna.
 
Il Chigiana International Festival & Summer Academy, intitolato quest’anno Sounding Times porta in scena a Siena e nei luoghi più suggestivi delle Terre senesi, dal 6 luglio al 31 agosto 2018, 62 concerti ed eventi musicali realizzati in esclusiva, con una particolare attenzione al rapporto tra suono e tempo in musica. Il festival include nella propria programmazione l’84° edizione della prestigiosa Accademia estiva di alto perfezionamento musicale chigiana. Le masterclass a porte aperte, formazioni inedite con i grandi solisti, l’ORT- Orchestra della Toscana, l’Orchestra Giovanile Italiana, il Quartetto Prometeo, il Chigiana Percussion Ensemble, il Coro della Cattedrale “Guido Chigi Saracini”, l’Orchestra dei Conservatori della Toscana e un sound design lab per il live electronics affiancano i giovani talenti provenienti da tutto il mondo fanno della Chigiana oggi un’istituzione modello in cui formazione, produzione e grande spettacolo diventano una cosa unica.
 
Il festival è realizzato con il sostegno determinante della Fondazione Monte dei Paschi di Siena e con il contributo di Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Regione Toscana, Banca Monte dei Paschi di Siena, Lega del Chianti, Comune di Siena, Opera della Metropolitana e Arcidiocesi di Siena, Colle Val d’Elsa e Montalcino, Complesso Museale Santa Maria della Scala, Siena Parcheggi, Finanziaria Senese di Sviluppo, Ferrovie dello Stato. Un ringraziamento speciale va al Rotary Club Siena Est e al Rotary Club Siena, oltre che al Distretto Rotary 2071. Inoltre, per alcuni specifici progetti, si ringraziano l’Università degli Studi e l’Università per Stranieri di Siena, Siena Jazz, l’Istituto Superiore di Studi Musicali “Rinaldo Franci” di Siena, Inner Room Siena, i Comuni di Castellina in Chianti, Sovicille, Murlo e Colle Val d’Elsa, la Pro Loco di Casole d’Elsa, l’Associazione Culturale E20 Virtus di Poggibonsi, il Festival Quartetto d’Archi di Loro Ciuffenna, la Compagnia Corps Rompu, l’Associazione “Amolamiaterra”, l’Associazione Le Dimore del Quartetto.
 
Media partner: Radio 3 Rai, Classica HD, Amadeus, La Nazione QN, Radio Siena TV e Siena News.
 
INFORMAZIONI DI BIGLIETTERIA
 
Biglietti dei concerti possono essere acquistati online su http://www.chigiana.it/acquista-i-biglietti-2/ fino alle ore 12 del giorno del concerto, oppure tutti i giorno al ChigianArtCafé in orario 10-18.
 
La vendita dei biglietti dei concerti che si tengono a Palazzo Chigi Saracini proseguirà fino all’inizio del concerto.
La vendita dei biglietti per i concerti che si tengono in altri luoghi proseguirà, a partire da 2 ore prima del concerto, presso la biglietteria delle rispettive sedi.
 
BIGLIETTO INTERO: Posto unico, 18 euro
 
RIDOTTO PROMOZIONE: 16 euro 
Il ticket emesso da Siena Parcheggi dà diritto ad uno sconto del 10% sull’acquisto di massimo 5 biglietti (ad esclusione dei concerti Factor, che sono a ingresso libero). 

RIDOTTO GENERICO: 10 euro
 Le riduzioni sono riservate agli studenti, ai giovani sotto i 26 anni, alle persone di età superiore ai 65 anni, agli Abbonati MIV della stagione 2017/2018 e ad altri enti.
 
RIDOTTO CONVENZIONE: 5  euro
Istituzioni convenzionate: UNISTRASI, Istituto Superiore di Studi Musicali Rinaldo Franci, DSU, SIS, Archinote Siena, Liceo Musicale e Liceo Classico Piccolomini, Scuola media S. Bernardino – sezione musicale, Siena Jazz, Istituto Tecnico Industriale Tito Sarrocchi
 
CONVENZIONE TRENITALIA
In virtù della collaborazione tra Accademia Chigiana e Trenitalia, esibendo il biglietto ferroviario utilizzato per raggiungere Siena e assistere al concerto, dopo aver acquistato un primo biglietto d’ingresso al concerto, il secondo biglietto sarà in omaggio.
 
CONCERTI “CHIGIANA FACTOR”: Ingresso, 5 euro
 
 
BIOGRAFIE
 
Nato nel 1996, Anton Gerzenberg ha iniziato lo studio del pianoforte con sua madre Lilya Zilberstein, proseguendoli poi con Julia Suslin e Julija Botchkovskaia. All’età di nove anni, ha vinto un primo premio al concorso nazionale giovanile e da allora è stato plurivincitore al concorso Steinway di Amburgo. Dopo un primo premio al concorso nazionale di musica giovanile nella categoria duo pianistico nel 2009 e un premio speciale della Fondazione tedesca di musica, ora si esibisce prevalentemente con il fratello Daniel Gerzenberg. Dopo essere apparso in molti festival tedeschi, il Duo Gerzenberg ha fatto il suo debutto internazionale al Festival Martha Argerich. Anton Gerzenberg si è esibito anche al fianco di Frank Braley, Martha Argerich, Dora Schwartzenberg e con varie orchestre come la Taipei Symphony Orchestra, i Münchner Symphoniker e l’Orchestra Haydn di Bolzano.
 
Figura storica della regia del suono e del live electronics, Alvise Vidolin è stato docente di musica elettronica al Conservatorio di Venezia. Professore a contratto del Centro di Sonologia Computazionale (CSC) del Dipartimento di Elettronica e Informatica (DEI) dell’Università di Padova. È tra i fondatori della Associazione di Informatica Musicale Italiana (AIMI). Collabora con la Biennale di Venezia. Come regista del suono ed esecutore di live electronics ha collaborato, sia in Italia che all’estero, con diversi compositori, tra i quali: Claudio Ambrosini, Giorgio Battistelli, Luciano Berio, Aldo Clementi, Wolfango Dalla Vecchia, Franco Donatoni, Adriano Guarnieri, Luigi Nono, Salvatore Sciarrino.
 
Nicola Bernardini si è diplomato in composizione al Berklee College of Music di Boston. Ha composto lavori per strumenti elettroacustici, elaboratore e strumenti tradizionali. È stato strumentale nella creazione di SaMPL (Sound and Music Processing Lab), il primo living-lab del mondo interamente dedicato alla musica e ai musicisti.
 
 

PROGRAMMA

 
Robert Schumann
Zwickau, Sassonia 1810 – Endenich, Bonn 1856
 
Kinderszenen op. 15
Von fremden Ländern und Menschen
Kuriose Geschichte
Hasche-Mann
Bittendes Kind
Glückes genug
Wichtige Begebenheit
Träumerei
Am Kamin
Ritter vom Steckenpferd
Fast zu ernst
Fürchtenmachen
Kind im Einschlummern
Der Dichter spricht
 
 
Karlheinz Stockhausen
Mödrath, Kerpen, Germania 1928 – Kerpen, Germania 2007
 
Klavierstück XIII Luzifers Traum
 
* * *
 
Luigi Nono
Venezia 1924 – 1990
 
… sofferte onde serene…
 
Robert Schumann
Sonata n. 1 in fa diesis min. op. 11
Introduzione. Un poco Adagio – Allegro vivace
Aria
Scherzo e Intermezzo. Allegrissimo
Finale. Allegro un poco maestoso
 
In collaborazione con il Laboratorio SaMPL del Conservatorio di Musica “C. Pollini” di Padova