Concerto in Cattedrale per la festivita dell’Assunta

L'organista Cesare Mancini in un repertorio internazionale dell’Ottocento e del Novecento

SIENA. Lunedì 14 agosto alle ore 21.15 si tiene nella Cattedrale di Siena il tradizionale concerto per la festività dell’Assunta. Per l’occasione si esibisce l’organista Cesare Mancini, che propone un programma dedicato al grande repertorio internazionale dell’Ottocento e del Novecento: dagli italiani Marco Enrico Bossi e Alessandro Esposito, con un brano dedicato alla Madonna di Fatima nel centenario delle apparizioni, al belga Joseph-Marie Plum, dai tedeschi Gustav Merkel e Sigfrid Karg-Elert fino al francese Jean Alain.

Cesare Mancini è nato a Siena. Si è diplomato in organo e composizione organistica al Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze e si è perfezionato con Tagliavini, Koopman, Vogel, Oortmerssen, Lohmann, Boyer, Stembridge, van de Pol, Acciai, Carnini, Donini. Si è laureato in storia della musica all’Università di Siena con una tesi su Marco Enrico Bossi, poi pubblicata.

È il maestro di cappella e l’organista della Cattedrale di Siena. È fondatore e direttore del Coro Agostino Agazzari, coro della Cattedrale, con il quale effettua servizio in Cattedrale, tournée concertistiche in Italia e all’estero, incisioni discografiche e registrazioni su RaiUno. Intensa è la sua attività concertistica in Italia e all’estero, in paesi quali Germania, Francia, Olanda, Gran Bretagna, Austria, Danimarca, Polonia, Romania, Slovenia, Kazakistan e Tailandia. Ha partecipato a manifestazioni quali la Settimana Musicale Senese organizzata dall’Accademia Musicale Chigiana, l’Italiaanse Muziek Festival di Amsterdam, la rassegna Kirchenmusik in Köln di Colonia, le rassegne dell’Accademia di Musica Italiana per Organo di Pistoia, i Festival organistici internazionali di Roma, di Milano, di Lucca, di Arezzo, “Virtuosismi d’organo sul Lago di Como”, il Festival natalizio di Firenze, collaborando con direttori quali Roberto Gabbiani e Luciano Acocella e con complessi quali l’Orchestra Sinfonica di Sofia e l’Orchestra “Rinaldo Franci Città di Siena”. È assistente del direttore artistico dell’Accademia Musicale Chigiana di Siena, dove ha assunto la direzione artistica della stagione concertistica invernale 2014-2015.

Ha al suo attivo insegnamenti di storia della musica e discipline affini nei Conservatori di Siena, Venezia, Matera e Piacenza e all’Università di Firenze; nonché di musica sacra e organo al Seminario Arcivescovile di Siena.

Pubblica libri e saggi di interesse storico-musicale e musicologico, partecipa a conferenze, tiene masterclass e viene chiamato a far parte di giurie di concorsi internazionali. Ha tra l’altro curato il volume “Un così bello e nobile istrumento. Siena e l’arte degli organi” e la prima traduzione italiana del “Traité de l’Orgue” di Mersenne (1635). Giornalista pubblicista, è collaboratore delle riviste “Informazione organistica” e “Arte organaria e organistica” e svolge anche attività di critico musicale. È stato membro della commissione artistica dell’Accademia di musica italiana per organo di Pistoia. È inoltre direttore artistico della rassegna concertistica “Musica Senensis”.

Compie attività di ricerca e di trascrizione di antiche composizioni, delle quali propone anche prime esecuzioni e prime incisioni moderne. Ha curato la pubblicazione di musiche, spesso in prima edizione assoluta, per le case editrici Armelin, Carrara ed Eurarte.

Si dedica alla ricerca e alla salvaguardia di strumenti antichi. È ispettore onorario per la tutela degli organi storici della Soprintendenza ai Beni Artistici e Storici delle Province di Siena e Grosseto.

Nel 2008 gli è stata conferita la medaglia d’oro di civica riconoscenza del Premio il Mangia di Siena.

L’ingresso al concerto è gratuito.