Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Chianti Festival: chiusura con gli Agricantus a Castellina

Appuntamento alle 21.30 in piazza del Comune per l

CASTELLINA IN CHIANTI. Chiusura con i ritmi coinvolgenti della World Music italiana degli Agricantus per l’edizione 2014 del Chianti Festival. L’ultimo appuntamento, rinviato per maltempo nei giorni scorsi, è in programma mercoledì 23 luglio alle ore 21.30 a Castellina in Chianti, in piazza del Comune.

Gli Agricantus, che prendono il nome dal latino “il canto del campo di grano”, sono nati nel 1979 come espressione del genere folk-ambient. Dopo un’interruzione di alcuni anni, stanno tornando protagonisti sulla scena musicale italiana con il nuovo album e live show “Turnari”, guidati da Mario Crispi e Mario Rivera, entrambi tra i fondatori del gruppo, e contando sul talento di Federica Zammarchi, voce ed effetti elettronici; Giovanni Lo Cascio, percussioni, e Giuseppe Grassi, mandoloncello e mandola. Al nuovo progetto hanno collaborato anche Massimo Laguardia, Giuseppe Panzeca, Enzo Rao, Nello Mastroeni (Nemas, Kunsertu) e Pivio & Aldo De Scalzi, vincitori del David di Donatello 2014 come migliori musicisti. Dopo la recente ed entusiasmante esibizione al Concerto del 1° Maggio a Roma, in cui hanno presentato in anteprima due brani del nuovo album, gli Agricantus stanno facendo un tour estivo in tutta Italia con il nuovo album e i brani storici che li hanno resi famosi in tutto il mondo, fra cui “Carizzi r’amuri”, “Azalai”, “Amatevi” e “Istanbul Uyurken”.

Informazioni. Il costo del biglietto è di 8 euro. Per ulteriori informazioni sullo spettacolo e sul Chianti Festival, è possibile visitare il sito www.chiantifestival.com, inviare un’e-mail all’indirizzo di posta elettronica info@chiantifestival.com oppure telefonare ai numeri 0577-351302 e 0577-355500. Il Chianti Festival è presente su Facebook e su Instagram seguendo #chiantifestival ed è organizzato dai comuni di Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardenga, Gaiole in Chianti e Radda in Chianti, con il contributo di Regione Toscana, Provincia di Siena e ChiantiBanca.