Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Valentini: "Il Comune ha lavorato per adattare le esigenze di tutti"

Il sindaco di Siena replica alle critiche arrivate da Confcommercio in merito a quanto accaduto durante la cena della vittoria della Civetta

SIENA. “Sulla stampa leggiamo un comunicato della Confcommercio che lamenta il disagio per la chiusura della zona intorno a Piazza Tolomei nel giorno della Festa della Vittoria della Contrada della Civetta. In particolare si addossano al Comune le responsabilità delle difficoltà riscontrate.

L’incontro citato nel comunicato è stato indetto proprio dal Comune, e si è tenuto giovedì 11 settembre.  Alla riunione,  durata quasi due ore, erano presenti, oltre ai commercianti interessati ed ai rappresentanti delle categorie, nonché alla dirigenza della Contrada della Civetta, il Sindaco, il vicesindaco con delega al commercio, il Comandante della Polizia Municipale e la responsabile della segreteria del sindaco.

Ho dovuto lasciare la sala dopo circa un’ora e mezzo per un altro impegno istituzionale, mentre gli altri rappresentanti del Comune sono rimasti sino alla conclusione della riunione che, comunque, non aveva un carattere di concertazione, ma di sereno confronto.

Durante l’incontro, ho spiegato agli operatori economici intervenuti che era ben presente all’Amministrazione il disagio per la chiusura forzata dei loro negozi per la giornata di sabato 4 ottobre, necessaria per consentire alla Contrada l’allestimento della festa della vittoria, ma ho sottolineato anche che le caratteristiche del territorio della Civetta rendevano impossibile una soluzione alternativa.

I dirigenti della Civetta hanno anche precisato che svolgere la cena la domenica sera avrebbe costituito un rischio molto elevato per la possibilità di pioggia e, quindi, di spostamento ad un successivo giorno feriale.

Durante la riunione ho voluto anche evidenziare due aspetti, oltre all’indiscutibile valore delle tradizioni e della straordinaria socialità contradaiola, come del resto riconosciuto da tutti i partecipanti alla riunione. Innanzitutto il fatto che la Civetta aveva già ridimensionato, per propria scelta, la richiesta di chiusura temporanea dello spazio necessario per l’allestimento della festa limitandolo al minimo possibile, programmando di lavorare in modo praticamente ininterrotto per 24 ore, notte e giorno, a partire dalle ore 20 del venerdì. In secondo luogo, che il Comune non concede indiscriminatamente alle Contrade tutti gli spazi per tutti i periodi che vengono richiesti,  bensì cerca di contemperare le fondamentali esigenze delle Contrade con quelle, altrettanto legittime, delle persone e delle attività economiche che risiedono nel centro storico. Tutto questo nella consapevolezza di volere e dover garantire ad ogni Contrada le modalità più adeguate per poter esprimere e sviluppare il proprio patrimonio culturale ed intellettuale, che è patrimonio di tutta la città, oltre a costituire un eccezionale veicolo di attrazione verso quel centro storico dove i commercianti operano”.

Bruno Valentini

Sindaco di Siena