Siena sesta nella classifica delle Università italiane

L’elaborazione pubblicata dal Sole 24 Ore disponibile online

frati

SIENA . L’Università di Siena si conferma ancora una volta tra le migliori Università italiane, conquistando il sesto posto nella classifica pubblicata dal Sole 24 Ore, resa in questi giorni disponibile online sul sito del quotidiano. Migliorando di una posizione rispetto al 2015, l’Ateneo senese continua a distinguersi in modo molto positivo nel panorama universitario nazionale.
“Pur consapevole dei limiti che queste classifiche possono presentare, legati alla difficoltà di trovare indicatori omogenei per valutare un sistema complesso come quello delle università – ha commentato il rettore Francesco Frati – sono comunque molto orgoglioso di questo risultato che, in linea con le posizioni ottenute in passato in altre simili classifiche, testimonia l’efficacia del lavoro che ogni giorno svolgiamo per garantire la qualità della didattica, della ricerca e dei servizi, secondo un preciso piano strategico di sviluppo, che mira a mantenere il nostro Ateneo ai più alti livelli dell’accademia internazionale”.
“Come recentemente dimostrato anche dalla valutazione di ANVUR – ha precisato il Rettore – la qualità della ricerca dei docenti di USiena continua ad essere ben superiore alla media nazionale: un risultato conseguito mentre l’Ateneo stava uscendo dalla propria crisi finanziaria. La ripresa delle assunzioni sosterrà il rilancio della didattica, e l’implementazione del Programma Strategico Triennale appena approvato costituirà la linea guida per l’ulteriore sviluppo dell’Ateneo. Sostegno alla ricerca, implementazione dei servizi per gli studenti, impulso all’internazionalizzazione, innovazione e interventi sul patrimonio immobiliare sono gli obiettivi cardine del nostro programma.”
“L’incremento che stiamo registrando negli immatricolati ai corsi di laurea triennale e a ciclo unico, + 4%, e negli iscritti al primo anno delle lauree magistrali, +15% – ha concluso il rettore Frati – conferma l’attrattività del nostro Ateneo, che è pronto a investire in innovazione e nuovi progetti”.

  • stavrogin

    “Come recentemente dimostrato anche dalla valutazione di ANVUR – ha
    precisato il Rettore – la qualità della ricerca dei docenti di USiena
    continua ad essere ben superiore alla media nazionale”.

    la qualità della ricerca è senz’altro buona. Laddove
    c’è rimasto qualche cosa. Però, nonostante questo, l’ANVUR ha tagliato a
    Siena il 39% del fondo premiale (peggior dato nazionale assoluto). Le spiegazioni possibili sono tre:

    1. hanno cambiato i parametri (una tesi sostenuta dal sito ROARS) e quelli nuovi penalizzano Siena.
    2. a Siena è andato via oltre il 30% dei docenti, non rimpiazzati (il reclutamento è stato fermo quasi dieci anni), e il deflusso continua, con effetti catastrofici in alcune aree.
    3. all’ANVUR sono schizofrenici.

    Io
    propenderei per la verità di tutte e tre queste ipotesi, insistendo però sulla terza. Comunque non
    mi fiderei neanche tanto di una classifica, come quella de Sole 24 ore,
    che mette Viterbo prima di Milano statale, Roma-1 e Torino, perché non si capisce proprio cosa “valuti” (dubito che Viterbo surclassi Milano nel campo della Meccanica Quantistica).