Sicurezza: tavolo tecnico in vista del derby

La partita tra Robur e Livorno al centro della riunione in questura

Questura di Siens

SIENA. Si è tenuto questa mattina in questura il tavolo tecnico per pianificare le misure organizzative in vista del derby toscano di domani sera, 4 novembre, alle 20.30 tra la Robur Siena e il Livorno, valevole per il campionato di calcio di serie C.

Alla riunione, hanno partecipato tutti i rappresentanti delle Forze e Corpi di polizia interessati dalla gara, oltre agli esponenti della Società senese, in stretto contatto con quella livornese anche tramite la figura dello SLO.

Le informazioni raccolte attraverso il continuo raccordo delle squadre tifoserie delle Digos delle rispettive Questure, unitamente alle comunicazioni dei club con i Supporter Liaison Officer, fanno prevedere una partecipazione di circa 1.300 sostenitori della squadra amaranto, che giungeranno a Siena a bordo di Pullman, pullmini e con mezzi propri.

Al riguardo è stato chiesto ed ottenuto dalla Robur all’apposita Commissione, riunitasi questa mattina, l’ampliamento del settore ospiti per una capienza di oltre 1600 posti, a fronte dei previsti 650 circa per le partite ordinarie.

Nell’ambito del tavolo tecnico del Questore sono state illustrate tutte le misure organizzative pianificate, che vedranno impiegate circa 70 unità delle Forze dell’ordine territoriali, tra Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza, alle quali si aggiungeranno quelle di rinforzo richieste al Dipartimento di Pubblica Sicurezza e gli operatori della Polizia Provinciale e Municipale.

Fin dal tardo pomeriggio, le principali vie di accesso alla città saranno appositamente vigilate e presidiate, con particolare attenzione agli itinerari che portano al centro cittadino e allo Stadio Franchi, dall’uscita prevista per i tifosi amaranto di Siena Ovest, transitando da Colonna San Marco, Strada di Pescaia, via Cesare Battisti e Vittorio Veneto fino all’ingresso del settore ospiti dell’impianto sportivo.

I supporters del Livorno, che giungeranno a Siena seguiti dalla squadra tifoseria della Digos e con la scorta tecnica della questura labronica, saranno anche monitorati dagli steward, una decina circa, provenienti dalla loro città, che integreranno il dispositivo previsto a livello locale dalla società Robur di circa 65 steward, stabilito dal GOS.

Particolare attenzione sarà, come sempre, rivolta al prefiltraggio, per valutare la corrispondenza del tagliando d’ingresso al documento, e del filtraggio, per controllare l’eventuale possesso di strumenti, oggetti e materiale di cui è vietato l’ingresso o di striscioni non autorizzati.

Durante l’afflusso, il deflusso e mentre sarà in corso la partita di calcio, verrà inoltre vietato il transito anche pedonale da viale dei Mille, verso Via XXV aprile, nella zona che interessa il settore ospiti dello Stadio.