Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Quattordici startup al lavoro nell’Officina Mps

Inizia la fase di co-progettazione con il management della Banca per l’ideazione di soluzioni evolute per la clientela

SIENA. Con la selezione di 14 startup prosegue il percorso di innovazione tecnologica e digitale avviato da “Officina Mps”, il progetto di Banca Monte dei Paschi di Siena, sviluppato in collaborazione con Accenture e giunto alla sua seconda edizione. L’iniziativa si prefigge l’obiettivo di scoprire e valorizzare idee innovative al fine di rafforzare l’esperienza cliente, migliorare i processi aziendali e lo sviluppo dell’offerta commerciale.

Le 14 realtà imprenditoriali selezionate accedendo alla seconda fase del percorso di “Officina Mps” avranno la possibilità di collaborare con il management di Banca Mps alla co-progettazione in tempi rapidi della loro idea innovativa orientata a trovare le soluzioni evolute per soddisfare i bisogni bancari di due differenti categorie, le famiglie e le imprese. Le startup e le pmi innovative che concorreranno al premio finale sono: App Quality, attiva nel settore fintech che offre servizi di ottimizzazione dell’user experience digitale; Bandyer, startup innovativa di video comunicazione e collaborazione; BigProfiles, software di Customer Intelligence che fornisce una profilazione dei consumatori; Biorfarm, un social-marketplace che connette i consumatori con piccoli produttori locali; Dindarò, offre soluzioni che consentono di ricevere il resto in formato digitale fornendo un servizio sia agli esercenti che ai clienti; EasyTax Assistant, fornisce uno strumento che aiuta il contribuente nella sua gestione fiscale; Ekuota, aiuta nei processi decisionali per proteggere la redditività delle aziende non finanziarie nel caso di incassi o acquisti in valute straniere e acquisti di materie prime; Garanteasy, piattaforma tecnologica che facilita la gestione di qualsiasi tipo di garanzia sui beni di consumo; Moneymour, fornisce prestiti istantanei per acquisti online; Secretel Service, che ha introdotto un nuovo modello di sportello virtuale che integra varie tecnologie consente di gestire più filiali con sportelli fisici in video-presenza; Splitty Pay, sistema di pagamento per l’ecommerce che permette di dividere il pagamento istantaneamente tra più persone coinvolte nell’acquisto; Talent Services, attraverso servizi e piattaforme dedicate affianca banche ed intermediari nell’implementazione di uno strumento per finanziare l’istruzione universitaria in maniera sostenibile; UGO, fornisce un caregiver su richiesta, quando nessun familiare o amico può prendersi cura della persona fragile; Yolo, un broker assicurativo che offre una soluzione totalmente digitale per la distribuzione di polizze assicurative, mediante canali diretti o in collaborazione con partner di vari settori.

Queste startup sono state individuate tra le 42 proposte nel corso del pre-selection day che si è tenuto a Siena, martedì 12 marzo, e sono state selezionate in coerenza con l’obiettivo della Banca di accelerare nel processo di cambiamento iniziato con il piano industriale 2017-2021.

Il prossimo appuntamento sarà il selection day del 16 aprile con la selezione di 4 progetti finalisti, nel frattempo le 14 startup avranno l’occasione di lavorare singolarmente fianco a fianco con selezionati manager della Banca per individuare le migliori modalità di implementazione delle loro soluzioni in BMps.