Leaderboards
Leaderboards
Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Pusher con 650 grammi di coca arrestato dalla Polizia

Inflitto un duro colpo alla lotta allo spaccio di sostanze stupefacenti

SIENA. Nell’ambito di una sempre più incisiva intensificazione dei servizi di contrasto alla diffusione di droga, soprattutto in città, i poliziotti della Squadra Mobile della Questura hanno arrestato S.L.R., un domenicano di 26 anni, per detenzione a fini di spaccio di stupefacenti. L’uomo è stato infatti trovato in possesso di circa 650 grammi di cocaina.

Lo straniero è stato individuato dagli investigatori, nel corso di ripetuti servizi di appostamento, mentre usciva da un’abitazione del centro storico per parlare con un giovane, già noto per i suoi trascorsi sempre nell’ambito degli stupefacenti, evidentemente per un accordo finalizzato alla cessione di cocaina. I due sono stati, infatti, immediatamente controllati ed hanno fornito versioni discordanti circa i motivi del loro incontro. Peraltro il 26enne, nonostante sia stato visto uscire dallo stabile e chiudere a chiave, ha riferito agli agenti di abitare altrove. La versione era inverosimile e i poliziotti non si sono lasciati ingannare, tant’è che da controlli più approfonditi è emerso che una delle chiavi che aveva con sé apriva un ripostiglio nella sua esclusiva disponibilità.

Nello stesso ripostiglio sono stati trovati diversi involucri di cocaina, per un peso complessivo di circa 650 grammi, del materiale per il confezionamento ed il taglio, nonché un bilancino di precisione. Il domenicano è stato pertanto arrestato e, su disposizione della Procura della Repubblica, portato in carcere in attesa della convalida. Alla luce della significativa quantità di sostanze stupefacente sequestrata e per la scaltrezza dimostrata, l’arresto è stato poi convalidato dal G.I.P. che ha disposto la custodia cautelare in carcere.

Si tratta di un sequestro di notevole importanza, che ha consentito di infliggere un duro colpo al mercato cittadino della cocaina; un sequestro quasi record ed inusuale, che avrebbe infatti fruttato al mercato illegale almeno 50.000, 00 euro.