Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Pcl: “Solidarietà agli educatori degli asili comunali”

SIENA. Dal Nucleo del Partito Comunista dei Lavoratori Siena riceviamo e pubblichiamo.

“Il Partito Comunista dei Lavoratori esprime la propria solidarietà a tutte le lavoratrici ed i lavoratori del settore educativo del Comune di Siena che devono fronteggiare la volontà dell’Amministrazione guidata dal Sindaco De Mossi e manifestata dai suoi Assessori di esternalizzare i servizi educativi del Comune, “cedendo” allo Stato le Scuole dell’Infanzia ed affidando all’esterno la gestione di un Asilo Nido, non prevedendo a breve nessuna assunzione per questo fondamentale servizio comunale.
L’ultima Assemblea sindacale del personale del settore educativo ha espresso un chiaro mandato ai rappresentanti sindacali in vista dell’incontro di conciliazione della prossima settimana presso la Prefettura di Siena, ci auguriamo che tale mandato non venga tradito sull’altare di un’unità sindacale contro i lavoratori.
Non crediamo tuttavia siano le interrogazioni nei vari Consigli elettivi o le mediazioni dall’alto a far recedere dai propri intenti la volontà espressa dall’ Amministrazione comunale di tagliare e risparmiare sul settore educativo, che oltre a cedere il servizio mira a dividere i lavoratori comunali alimentando la “guerra fra poveri” e tra settori all’interno del Comune. Solo una mobilitazione decisa intelligente e prolungata del settore educativo comunale estesa anche ad altri settori, che unisca tutto il personale ed “aperta” alla Città sarà in grado di opporsi efficacemente. Ricordiamo che fu la mobilitazione delle lavoratrici e dei lavoratori del settore educativo a far recedere precedenti amministrazioni di “sinistra” che governavano la città dal proposito di esternalizzazione.
Chi lavora, ha visto in questi anni solo peggiorare la propria condizione lavorativa quindi può contare solo sulla propria forza rivendicando la propria autonomia da tutti i governi siano questi di sinistra, di destra, tecnici o civici, non esistono governi od amministrazioni “amiche”.
Il Partito Comunista dei Lavoratori sarà sempre al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori che difendono il proprio lavoro, l’alto standard qualitativo del servizio pubblico offerto, in un ottica di garanzia ed inclusione per tutti, senza distinzione alcuna, contro chi in nome del cambiamento ha dato inizio al progressivo progetto di smantellamento di un servizio pubblico, che ancora nonostante tutto funziona”.