Parte da Siena il nuovo progetto teatrale di David Glass

Grande successo per i due workshop inseriti nel cartellone di Siena Città Aperta

di Annalisa Coppolaro
 
SIENA. Siena Città Aperta presenta il nuovo progetto teatrale di David Glass dedicato ai giovani che durerà 3 anni ed a Siena presentato ieri, mercoledì 10 gennaio al foyer del
Teatro dei Rinnovati. Il 10 e 11 gennaio workshop gratuito riservato agli under 30
 
Il teatro fisico, un workshop gratuito e i giovani saranno al centro dell’evento che aprirà il ricco programma di gennaio del festival Siena Città Aperta.
Mercoledì 10 gennaio svelato quindi l “AB Project”, il nuovo progetto internazionale ideato per le giovani generazioni dal regista e performer inglese David Glass. La presentazione si e tenuta nel foyer del Teatro dei Rinnovati con la partecipazione dello stesso Glass, di Francesca Vannozzi, assessora alla Cultura del
Comune di Siena e Margherita Fusi presidente dell’Associazione Culturale Topi Dalmata. Basandosi sui tragici eventi della strage avvenuta nel 2011 sull’isola norvegese di Utoya, AB Project vedrà, nel corso di tre anni, i giovani appartenenti a nove Paesi di tutto il mondo dare la loro voce alle vittime attraverso il potente mezzo
del teatro fisico, del gioco e della creatività. Un triennio di studio basato sulle pratiche creative di base, sulla narrazione, sulla tecnica di recitazione ma anche su scambi culturali tra i giovani di diverse realtà che hanno aderito al progetto.
AB Project permetterà agli allievi più talentuosi di entrare a far parte della compagnia giovanile internazionale della David Glass Ensemble che porterà in scena il racconto della strage di Utoya, tratto dal libro “One of Us”.
 
AB Project coinvolge nove Paesi e durera- tre anni. Oltre all’Italia i Paesi coinvolti nel progetto sono: Inghilterra, Irlanda, Spagna, Norvegia, Serbia, Canada, Singapore e Cina.
A Siena il workshop si sta svolgendo ora, mercoled 10 e giovedì 11 gennaio , al Santa Chiara Lab dalle 16 alle 19. Il seminario completamento gratuito, curato dall’Associazione Culturale Topi Dalmata e da David Glass Ensemble, rivolto esclusivamente ai giovani dai 16 ai 30 anni e prevede già altri appuntamenti nel corso del 2018. “Il nostro – ha affermato David Glass – è un modo per restituire ai giovani ciò che è stato a loro tolto, il futuro, fornendogli uno strumento per affrontare le nuove sfide del millennio”.
La città di Siena ha aderito ad Ab Project grazie alla sinergia tra Comune, Fondazione MPS e Università ed alla
collaborazione con Università per Stranieri, Casa Circondariale e Associazione Culturale Topi Dalmata.
 
David Glass ha recitato, diretto e insegnato in più di settanta paesi. Si è formato alla scuola Lecoq a Parigi.
Vincitore di premi internazionali, incluso il TMA award come miglior regista per il suo adattamento di Gormenghast, nel 1998 ha istituito il Lost Child Project usando il teatro come piattaforma per i bambini di strada nel mondo, per dare voce alle loro storie. Sviluppa cinque livelli del processo creativo che ora sono impiegati in tutto il mondo. In seguito ai suoi quaranta anni di esperienza è stato uno dei fondatori del movimento del “Physical/Visual, Devised and Applied Theatre” (Teatro Fisico/Visuale Elaborato e Applicato).
Ha rilanciato il David Glass Ensemble come piattaforma per supportare l;ingresso dei giovani nelle arti e nel teatro in campo internazionale. Crede appassionatamente nel potere dell arte e della creatività e nella loro capacità di trasformare positivamente il mondo. Nel 2017 Glass ha portato in scena a Siena, sul palco del Teatro dei Rozzi, “The Brides” e “Mortgage” presso l’auditorium di Sienambiente.