Nuova scuola a San Miniato: investimenti da 9 milioni di euro

Adottato dalla Giunta il Piano Triennale delle Opere Pubbliche, sessanta giorni per le osservazioni. Novità importanti per San Miniato: scuola nuova, emiciclo e auditorium

SIENA. La Giunta Comunale ha adottato il Piano Triennale delle Opere pubbliche, che individua gli interventi programmati dall’Amministrazione Comunale tra il 2018 e il 2020. Si tratta di un documento strategico per la programmazione del Comune in materia di opere pubbliche, che dovrà poi trovare corrispondenza con gli stanziamenti di bilancio per poter dare concreta fattibilità a quanto previsto.
L’adozione consentirà all’Amministrazione Comunale, nel suo complesso, di valutare nei 60 giorni successivi sia gli interventi previsti che eventuali nuovi inserimenti. Spazio quindi alle proposte e alle osservazioni.
Fra i progetti individuati spicca per dimensioni economiche (nove milioni di euro in una prima stima) la realizzazione della nuova Scuola Primaria di San Miniato, per la quale l’Amministrazione Comunale intende procedere quanto prima all’approvazione delle varie fasi di progettazione necessarie. La nuova scuola potrà sostituire la scuola elementare oggi collocata in locali in affitto presso la Basilica dell’Osservanza e servire anche i quartieri limitrofi di Scacciapensieri e Vico Alto. Il progetto sarà innovativo ed ambientalmente all’avanguardia e prevede anche una nuova viabilità.
In questi giorni si è provveduto, inoltre, all’aggiudicazione provvisoria per i lavori di completamento dell’emiciclo realizzato a suo tempo con il Contratto di Quartiere e da molti anni rimasto incompiuto.
Novità anche per l’auditorium: a breve saranno conclusi i lavori di adeguamento e si potrà procedere ad un allestimento degli spazi tale da consentirne l’uso agli abitanti e alle associazioni del quartiere, nonché a tutta la città.
Il Contratto di Quartiere con il quale sono stati costruiti gli immobili presenti nell’area, prospicienti piazza della Costituzione, risale agli anni duemila. Dopo un’iniziale fase di costruzione è seguito un periodo di stasi durato diversi anni ed un rilevante contenzioso. Questa Amministrazione Comunale si è fatta carico dei problemi, integrando le risorse mancanti, avviando un percorso di completamento e di riqualificazione, partendo da una situazione decisamente compromessa” ricorda il Sindaco Bruno Valentini.
“Sono stati già completati gli investimenti nell’edificio destinato ad attività educative e nelle case popolari, che vengono via via assegnate. Sono stati stanziati 600mila euro per sistemare il parcheggio sotterraneo, correggendo gli errori di progettazione. Inoltre è stato ridefinito il rapporto con la Misericordia, che ha aperto uno spazio che è un importante punto di riferimento per la comunità locale, aggiungendo nuove funzioni, fra cui quella del banco alimentare per le famiglie in difficoltà. Rimane invece da riprogettare la pavimentazione di piazza della Costituzione, un’opera sbagliata nella ideazione e nella realizzazione, che comporterà un grosso onere di rifacimento, ma che potrà essere programmata solo dopo che verrà concluso il Contratto di Quartiere, rispettati gli impegni col Ministero e riscossi i contributi assegnati al Comune e vincolati al rispetto del piano originario” conclude il primo cittadino.
cleardot Nuova scuola a San Miniato: investimenti da 9 milioni di euro