Nasce Spazio Siena, lo spazio civico che mancava

L’ispiratore è Pierluigi Piccini. L’apertura è prevista a metà novembre, a due passi dal Campo

SIENA – Nasce SpazioSiena, un centro culturale aperto e civico, nel cuore della città. Sarà un casa per tutti i cittadini, nata grazie alla passione di un gruppo di giovani, operatori culturali, cittadini. È il punto di riferimento che mancava: SpazioSiena vuole essere un contenitore di idee e un punto di aggregazione innovativoUna “zona libera” in cui dare vita a idee, visioni, alla voglia di futuro della città, e dove ospitare mostre, dibattiti, concerti workshop, postazioni di co-working per start-up innovativeQuesto luogo aperto si trova in Fontebranda, all’altezza di Porta Salaria (a due passi dal Campo) e sarà operativo entro novembre. L’ispiratore è Pierluigi Piccini, da sempre attento ai temi della cultura come volano di sviluppo. 

«Dobbiamo costruire un grande progetto per Siena – afferma – e per farlo occorre tornare a produrre cultura, valorizzare le giovani generazioni, progettare e sostenere opportunità di occupazione e realizzazione personale. Siena vive un momento particolare, ma i senesi hanno grandi energie che devono essere valorizzate. Per questo ho deciso di sostenere insieme ad altri soggetti l’apertura di questo centro culturale. Sono fautore ma al tempo stesso spettatore di un progetto ambizioso». 

I suggestivi locali serviranno, tra l’altro, a ospitare eventi musicali, artistici, in cui coniugare le esperienze di personalità senesi che hanno esportato il proprio talento fuori dal territorio con gli artisti di fama internazionale che hanno scelto Siena come città dove sviluppare il proprio lavoro. Allo stesso tempo, sarà uno spazio libero per i giovani

«SpazioSiena– ribadisce Pierluigi Piccini – intende dimostrare come si potrebbe valorizzare il patrimonio culturale di questa città, che non è solo fatto solo dai monumenti del passato, ma anche dalle idee sul futuro. Saremo felici di conoscere le istanze di chi fa impresa, cultura, o semplicemente si mette in gioco tutti i giorni. Ci saranno momenti di confronto, sempre aperti, perché il futuro di Siena non deve avere bandiere o appartenenze. La vera sfida – conclude Piccini – è fare di SpazioSiena un’esperienza duratura, con il contributo di quanti vorranno sostenerla, nella speranza che possa diventare un modello replicabile in altri luoghi della città».