Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Firmato protocollo per la prevenzione dei crimini ai danni di banche e clienti

Verrà riservata ancora più attenzione nella valutazione preventiva dei rischi

Il prefetto Armando Gradone

SIENA. E’ stata firmata oggi in Prefettura la nuova versione del Protocollo per la prevenzione della criminalità ai danni delle banche e della clientela, che introduce alcune importanti novità rispetto alle precedenti versioni.

Verrà riservata ancora più attenzione nella valutazione preventiva dei rischi, per individuare misure a tutela dei dipendenti e dei clienti degli istituti bancari, dei beni aziendali e per contrastare eventi quali furti, rapine, atti vandalici e terroristici, attacchi multivettoriali (c.d. cyber physical security).

Un articolo è dedicato agli interventi tramite i quali le banche potranno contribuire a prevenire le truffe ai danni della clientela ed in particolare degli anziani: diffusione di consigli generali e cautele per evitare i rischi, disponibilità di numeri di soccorso per segnalare immediatamente le truffe subite, un attento monitoraggio degli episodi per individuare buone pratiche da mettere a fattor comune.

Continuerà inoltre ad essere garantita la circolarità dei flussi di informazione fra istituti bancari e Forze di Polizia, fondamentali per consentire all’intero sistema di sicurezza di porre in essere efficaci attività di prevenzione e contrasto delle varie forme di criminalità che possono interessare il settore.

Il Protocollo, che ha una durata di due anni, è stato sottoscritto dal Prefetto Armando Gradone e dai rappresentanti di ABI (Associazione Bancaria Italiana), Monte dei Paschi di Siena, Banco BPM, Banca CRAS-Chianciano Terme, Banca di Cambiano, BNL, Banca Sella, Credite Agricol Cariparma, Chianti Banca, Cassa di Risparmio di Volterra, Credito Emiliano, Fideuram Intesa San Paolo Private Banker, Terre Etrusche e di Maremma CC, UBI Banca, Unicredit ed Unipol.