Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

A Pitti Uomo sfilano i dolci tipici senesi

Martedì 8 gennaio degustazione-evento con i prodotti Nannini curata dal vignaiolo creativo Federico Minghi

SIENA bar Pasticceria NANNINI VIA MASSETANA (Foto Fabio Di Pietro)
FIRENZE. I dolci tipici senesi a marchio Nannini salgono sulla passerella di Pitti Uomo. La 95esima edizione della kermesse fiorentina dedicata alla moda maschile ospiterà il prossimo 8 gennaio un connubio tra il buono e il bello con una degustazione che si terrà martedì 8 gennaio dalle 12 alle 14 nel padiglione Centrale (Stand Zerosettanta Piano Inferiore Spazio Q14) durante la presentazione dei nuovi modelli del famoso Impermeabile del brand Landi di Empoli. Da un lato l’alta qualità sartoriale e dell’altro quella nella produzione di dolci della tradizione come panforte, panpepato e ricciarelli. “Due storie Made in Tuscany di assoluto valore che si incrociano – commenta Federico Minghi, il vignaiolo creativo, curatore della degustazione -, Nannini con i suoi oltre 100 anni nei dolci e l’impermeabile Landi da oltre 70 anni nell’abbigliamento, che solo il mix magico di eccellenza, qualità e tanta passione li fanno resistere nel tempo arricchendoli di fascino e portando così le tradizioni nel futuro”. La degustazione che sarà ripresa e trasmessa online nei canali di Place2Be e in quelli di Federico Minghi verrà preceduta da una diretta nel backstage di Pitti con interviste a personaggi del mondo della moda e dell’enogastronomia e culminerà con la degustazione e con un video emozionale, un focus sui laboratori e i metodi di produzione dei dolci senesi con interviste agli storici maestri pasticceri di Nannini. La degustazione dei dolci Nannini verrà accompagnata da altre eccellenze locali come la tartare di chianina della cooperativa degli allevatori senesi del famoso “Gigante Bianco” della Macelleria Senese e del loro prosciutto di cinta tagliato al coltello della cooperativa agricola allevatori senesi di chianina, il tutto innaffiato dallo Champagne selezionato dalla Gourmanderie di Milano che lo accompagnerà al foie gras in un imperdibile connubio tra Italia e Francia.