Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Risparmio e corretto uso dell’acqua: Acquedotto del Fiora parte con la campagna

L

<!–
@page { margin: 2cm }
P { margin-bottom: 0.21cm }
–>

SIENA. Risparmio e corretto uso dell’acqua, ecco la campagna di Acquedotto del Fiora. Da oggi (15 giugno) sono in distribuzione nelle cassette postali degli utenti del comune di Siena i depliant con i consigli sul corretto utilizzo e le “regole” per educare al non spreco, realizzati dall’azienda all’interno della nuova campagna promossa dalla Regione Toscana in collaborazione con i gestori del servizio idrico e altri enti del settore. La Regione Toscana ha infatti dichiarato lo “stato di emergenza idrica e idropotabile” a causa delle recenti condizioni meteo e oltre al “piano straordinario di emergenza” con interventi strutturali per l’approvvigionamento idrico, ha predisposto anche una campagna di comunicazione ad hoc finalizzata a diffondere le buone pratiche per un consumo idrico sostenibile.
Risparmio e corretto uso dell’acqua, ecco la campagna di Acquedotto del Fiora. Da oggi (15 giugno) sono in distribuzione nelle cassette postali degli utenti del comune di Siena i depliant con i consigli sul corretto utilizzo e le “regole” per educare al non spreco, realizzati dall’azienda all’interno della nuova campagna promossa dalla Regione Toscana in collaborazione con i gestori del servizio idrico e altri enti del settore. La Regione Toscana ha infatti dichiarato lo “stato di emergenza idrica e idropotabile” a causa delle recenti condizioni meteo e oltre al “piano straordinario di emergenza” con interventi strutturali per l’approvvigionamento idrico, ha predisposto anche una campagna di comunicazione ad hoc finalizzata a diffondere le buone pratiche per un consumo idrico sostenibile.
“L’acqua non è una risorsa inesauribile e deve essere usata con molta cura e attenzione – afferma Claudio Ceroni, presidente di Acquedotto del Fiora spa – credo sia necessario cambiare le nostre abitudini quotidiane e imparare a risparmiarla, soprattutto in vista delle necessità future. La nostra Azienda ha predisposto un piano delle emergenze per delineare un quadro conoscitivo sul rischio di deficienza idrica nel territorio gestito. Il documento individua inoltre le zone a maggiore rischio, le attività preventive per minimizzare gli effetti della crisi e le attività operative nell’ambito della gestione delle eventuali situazioni di criticità. Ritengo comunque fondamentale fare appello alle “buone pratiche” di tutti i cittadini nostri utenti, i quali ringrazio anticipatamente per l’aiuto”.