Rianimazione e uso del defibrillatore. Corso per 90 studenti

La Croce Verde di Chianciano Terme insieme ad Anpas Toscana formeranno gli allievi al supporto delle funzioni vitali

 

CHIANCIANO TERME. Le manovre che salvano la vita entrano a scuola. Dalla mattina di sabato 22 aprile, 90 studenti e dieci insegnanti della scuola alberghiera ‘Pellegrino Artusi’ di Chianciano Terme prenderanno parte a un corso di BLSD per apprendere le tecniche di base a supporto delle funzioni vitali (massaggio cardiaco e respirazione artificiale) oltre all’uso del defibrillatore semiautomatico.

L’iniziativa sarà curata dalla Croce Verde di Chianciano, in collaborazione con il comitato regionale toscano delle Pubbliche Assistenze e la zona senese di Anpas guidata da Andrea Nuti.

«Due anni fa – racconta il presidente della Croce Verde, Roberto Poggiani – lanciammo l’idea della città cardio protetta. Il comune di Chianciano ci ha seguito in questo e così la nostra città è stata la prima della Valdichiana ad avere 6 defibrillatori semiautomatici disseminati sul proprio territorio. Oltre ai nostri volontari, abbiamo formato anche 90 cittadini, cosiddetti ‘laici’ in grado di utilizzare l’apparecchiatura quando necessario. Ora la richiesta di frequentare il corso e ottenere la certificazione che abilita all’uso del defibrillatore, è arrivata direttamente dagli studenti, e appoggiata dal dirigente scolastico della scuola superiore di Chianciano. Voglio ringraziare anche Tommaso Lelli dei formatori Anpas Toscana che ci ha sostenuto e aiutato in questo percorso».

I novanta ragazzi, tutti maggiorenni, dopo la certificazione saranno abilitati a intervenire in caso di necessità, e dovranno sostenere degli aggiornamenti periodici per mantenere l’abilitazione.