Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Partito Comunista: “Risorsa termale al collasso e senza controlli”

PROVINCIA. Dal Partito Comunista riceviamo e pubblichiamo.

“Avevamo parlato in propaganda elettorale – e comunque durante tutte le nostre iniziative da quando siamo nati come Partito Comunista – dell’impoverimento della falda acquifera termale e di quale sia lo stato della qualità della stessa. Avevamo promesso battaglia per approfondire la questione e lo stiamo facendo.

Vogliamo ricordare a tutte le forze politiche ed alla cittadinanza che l’unica risorsa VERA di cui dispone Chianciano e tutte le altre città termali Toscane è l’acqua termale, un diritto averla come cura sanitaria con periodo di malattia per i fegatosi, un dovere rendere tale. Le altre forze politiche hanno espresso la volontà di tutelare l’acqua termale ma sono solo “chiacchere da bar”, solamente noi con umiltà e ideologia politica abbiamo parlato dell’acqua termale come risorsa primaria e abbiamo anche detto che reputiamo urgente un controllo della stessa visto l’impoverimento della falda e un controllo sulla qualità. Nulla è stato fatto in questo senso, tutto ciò è sconvolgente, in tutta la regione la situazione è al limite del collasso.

A Rapolano Terme, la società terme Antica Querciolaia spa, società a partecipazione pubblica (amministrazione provinciale di Siena + alcuni comuni), si avvale del logo “EMAS gestione ambientale verificata”.

Questo riconoscimento viene rilasciato a quegli Enti (DLgs 231/2001) che dichiarano di rispettare le norme internazionali, europee, italiane, per la salvaguardia dell’ambiente (iso 14001, registrazione emas), questo riconoscimento dà diritto a contributi a fondo perduto, agevolazioni, semplificazioni da parte della regione, dello stato, dalla UE.
Dove sta il problema: le dichiarazioni sono false. sappiamo che il concessionario non ha rispettato le Norme imposte dalla regione ed ha comunque ottenuto il rinnovo della concessione (altro esempio di abuso di ufficio) a danno di un bene pubblico. Per fare un altro esempio: nel documento della Regione del 26 gennaio 2015, la Regione dichiara che le terme di Montecatini spa, soc. partecipata dalla regione (solo 1/3 dei concessionari ha installato gli strumenti di misura), non ha installato gli strumenti di misura obbligatori per legge pena la decadenza della concessione. (LR 38/2004) . La concessione è stata rinnovata il 27 marzo del 2012. Questo non è reato di abuso di ufficio? Perchè i consiglieri regionali della Lega, 5 Stelle, Fratelli D’Italia, Pd, non hanno fatto una denuncia alla procura non appena sono venuti a conoscenza che era stato commesso un reato, così come recita l’art 361 del cpp? tutti erano a conoscenza di tale documento!!!
Perchè nonostante ciò il consigliere regionale del Pd Bezzini, il 30 gennaio del 2018 ha presentato una mozione per il rilancio del termalismo?
Se non installi gli strumenti di misura per consentire il monitoraggio regionale finalizzato alla salvaguardia del patrimonio indisponibile già dalla LR 86/1994 e successiva LR 38/2004, non potresti aver commesso anche un reato ambientale per un’alterazione irreversibile dell’equilibrio dell’ecosistema? Legge 68/2015: scarsità delle precipitazioni, mancanza di bilancio idrico, mancato rispetto delle Norme , emungimenti indiscriminati etc etc.
La Regione legifera, non rispetta le norme e non le fa rispettare.
Nel documento del 26 gennaio 2015 la Regione dichiara che non può intervenire nei confronti dei concessionari inadempienti. La LR 38/2004 art 6 comma 3 invece lo prevede, questo per esempio non è reato di falso ideologico?

Continuiamo insistendo sul fatto che la risorsa termale debba essere tutelata e restituita di diritto alla popolazione e non sfruttata senza criterio! Il Partito Democratico che ha governato per anni ha distrutto la nostra fonte primaria di reddito, come a Chianciano, come in tutta la regione, e gli altri partiti o liste civiche non si oppongono a tale situazione ma fanno finta di nulla, non sapendo come fare… perchè la verità brucia e se a monte non vi è una lotta politica accompagnata dall’ideale, si rimane inermi…..!

Noi lo diciamo a gran voce, le Terme sono state il PASSATO, devono essere il PRESENTE, dovranno essere il FUTURO! Avete distrutto il nostro presente ma lotteremo per ricostruirlo e composto da diritti sociali e daremo FUTURO alle persone ma il NOSTRO FUTURO non il vostro che sarà ancor più pieno fatto di disinteresse, speculazione, depressione, privatizzazione e scoramento!

LOTTA CON IL PARTITO COMUNISTA, LOTTA PER CHI CREDE NEL PROFITTO SOCIALE E NON IN QUELLO PRIVATO! LOTTA NON RIMANERE INERME, NEANCHE UN VERME LO E’!”