Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Il vescovo Lojudice alla Veglia di pace di Poggibonsi

POGGIBONSI. “La pace parte da noi, abbiamo tutti una grande responsabilità”. Così Augusto Paolo Lojudice, arcivescovo di Siena-Colle di Val d’Elsa-Montalcino, ieri (8 novembre) alla Basilica di San Lucchese a Poggibonsi per la VII° Veglia della Pace organizzata da Virtus e Parrocchia Santa Maria Assunta.

Presenti all’iniziativa le associazioni di cultura, lavoro e volontariato, il sindaco di Poggibonsi David Bussagli, il vice sindaco di Colle di Val d’Elsa Stefano Nardi, l’assessore alle Politiche Sociali e Giovanili del Comune di San Gimignano Daniela Morbis e le autorità militari.

“La pace è come un oceano che non può essere disseccato altrimenti muore l’umanità – afferma Augusto Paolo Lojudice – ognuno di noi senta il desiderio e la responsabilità di lavorare in questa direzione. Una società sportiva guidata con intelligenza, come è la Virtus Poggibonsi, pensa ad una educazione integrale della persona. La mente – chiude l’arcivescovo – non può non essere arricchita da profonde riflessioni su temi importanti”. 

Pietro Burresi, presidente della Virtus, parla di “necessità di una costante educazione alla pace, fornendo gli strumenti di conoscenza e promuovendo itinerari di approfondimento di discussione e di verifica come in questa occasione”.

“Abbiamo cercato di riunire intorno al valore della Pace la comunità cattolica del territorio – aggiunge Burresi – costruendo ponti di armonia e dialogo con tutti gli uomini, le istituzioni civili, del mondo della cultura e sociali, ed idealmente con tutto ciò che è il tessuto vitale del nostro territorio”.