Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Il Pd di San Gimignano ringrazia gli elettori

"Alle elezioni Europee, con il 45,47% il Pd ottiene il miglior risultato della Provincia di Siena e tra i primi in Italia"

SAN GIMIGNANO.  Dopo il risultato elettorale del 26 Maggio 2019, ci preme dire grazie alle elettrici ed agli elettori che hanno premiato il Partito Democratico ed il Centrosinistra Civico nelle urne. E’ emerso un risultato ben al di sopra delle nostre aspettative. Siamo consapevoli che non ci sia da festeggiare, ma da sentirsi addosso tutta la responsabilità che un consenso del genere origina. Responsabilità ed umiltà nell’interpretare l’orientamento dei sangimignanesi al meglio. 

Alle elezioni Europee, con il 45,47% il Pd ottiene il miglior risultato della Provincia di Siena e tra i primi in Italia. Siamo in crescita rispetto alle elezioni politiche di un anno fa e siamo consapevoli di essere solo a metà strada. Questo risultato, però, ci conforta nel modo atipico che sotto le torri abbiamo di declinare il Partito Democratico. Siamo una comunità di uomini e donne che hanno a cuore il proprio territorio, dal centro storico fino alle frazioni, e che vivono quotidianamente nella società sangimignanese. 

Le elezioni europee hanno fermato, nel loro complesso, l’ascesa dei sovranisti e degli antieuropeisti. Tiriamo un sospiro di sollievo, consapevoli che adesso serva davvero cambiare marcia per tornare a ragionare di come si possa avere più Europa. Restiamo convinti che l’approdo necessario sia quello degli Stati Uniti d’Europa. In Italia, purtroppo, i sovranisti hanno avuto la meglio, ma il Partito Democratico è riuscito ad invertire la tendenza nel proprio risultato. C’è ancora molta strada da fare, ma abbiamo intrapreso un cammino. 

Negli ultimi mesi, sia come Partito Democratico che come Centrosinistra Civico, si è visto un movimento importante di cittadini aderire, darsi da fare, avere la voglia di vivere da protagonisti la Politica sangimignanese. Di questo siamo felici e servirà dare continuità ai processi partecipativi ed inclusivi sia direttamente come partito, sia nel nostro contributo al Centrosinistra Civico. Abbiamo alle porte la Festa de l’Unità che sarà un momento importante in questo senso. 

Dietro i risultati importanti che abbiamo colto, ci sono molti fattori. Vogliamo sottolinearne uno che sicuramente è quello preponderante: l’unità. Come Pd sangimignanese, abbiamo praticato l’unità con caparbietà, anche quando nessuno credeva che avremmo affrontato gli ultimi delicati passaggi senza rotture interne. E’ questo il valore principale: nel rispetto e nella piena cittadinanza per le idee diverse, il nostro compito è quello di essere uniti. 

Lo spirito unitario che ci ha contraddistinto è stato determinante ingrediente della straordinaria vittoria alle elezioni amministrative. Non era scontato che, in una situazione di testa a testa e con il forte vento di destra che ha colpito anche la Toscana, il centrosinistra civico guidato dal Partito Democratico riuscisse a prevalere. E soprattutto, anche i più ottimisti tra noi non si sarebbero aspettati un risultato oltre il 70%. 

Ci congratuliamo con il Sindaco Andrea Marrucci, a cui non faremo mancare il nostro contributo, dal punto di vista politico, di elaborazione, discussione e supporto durante questa legislatura. Ringraziamo Giacomo Bassi, che nei suoi 10 anni come primo cittadino si è sempre distinto per dedizione e costanza, e che è stato alla guida di una Amministrazione che ha traghettato con qualità San Gimignano negli anni della crisi e del cospicuo ridimensionamento di contributi privati e statali, senza gravare sulle tasche dei cittadini e senza ridurre i servizi. 

Adesso è il momento di rimettersi al lavoro per San Gimignano. La “nuova stagione” che abbiamo raccontato durante la campagna elettorale dovrà accompagnare le innovazioni presentate nel programma ed il mantenimento di un caposaldo imprescindibile della tradizione del centrosinistra: una buona amministrazione al servizio e per il bene dei sangimignanesi. 

La decisione di immaginarci un centrosinistra civico, presa da un Partito Democratico consapevole di non essere autosufficiente, e volenteroso di “spalancare porte e finestre” alla società sangimignanese, non era solo legata al raggiungimento dell’obiettivo elettorale. Ci impegniamo a mantenere aperto un confronto costante con chi ha partecipato alla nostra campagna di ascolto lo scorso anno, a chi ha animato i “Laboratori di Idee” nella prima parte della campagna elettorale, e ai candidati al Consiglio comunale che non sono stati eletti, nonostante grande impegno ed un ottimo numero di preferenze raccolte.

 Il Centrosinistra civico ritroverà in Consiglio comunale gli avversari della lista “Cambiamo San Gimignano”, ai quali auguriamo buon lavoro per San Gimignano. Il nostro augurio è che, nella normale dialettica tra maggioranza ed opposizione, la legislatura veda un clima sereno e costruttivo tra le forze politiche. 

Anche il Partito Democratico deve rimettersi a lavoro, sfruttando l’entusiasmo e lo spirito unitario che queste elezioni amministrative ci hanno consegnato. Abbiamo diversi impegni davanti a noi, da affrontare al meglio per confermarci una forza attiva anche lontano dagli appuntamenti elettorali, radicata nel territorio e capace di una propria analisi ed elaborazione politica.”