Leaderboards
Leaderboards
Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Il Comune di Montepulciano rinvia al 30 giugno il termine per pagare alcuni tributi

L’atto interrompe anche controlli e contenzioso su tassa di soggiorno, pubblicità, TARI e TOSAP

MONTEPULCIANO.  Posticipate le scadenze per il pagamento di alcuni tributi di competenza del Comune di Montepulciano. La Giunta Comunale ha infatti deliberato il differimento dei termini relativi ai versamenti dell’imposta sulla pubblicità, dell’imposta di soggiorno, della TARI (rifiuti) e l’adeguamento al Regolamento della TOSAP (occupazione suolo pubblico) con il contestuale differimento del pagamento della stessa tassa. 

“E’ un provvedimento al quale tenevamo particolarmente – afferma Michele Angiolini, Sindaco di Montepulciano – per dare una risposta immediata, in termini di sostegno e vicinanza alla nostra comunità, sia alle imprese sia alle famiglie. L’atto è in linea con quanto stabilito dal Governo nel Decreto “Cura Italia” e risponde alle esigenze di contrasto e contenimento dell’epidemia da Covid-19. Infatti – prosegue Angiolini – da una parte evita spostamenti per effettuare i pagamenti ma soprattutto allevia l’impegno economico dei contribuenti in una fase di evidente e ormai conclamata difficoltà economica. Posso preannunciare – conclude il Sindaco – che sono in fase di elaborazione altri provvedimenti destinati ad alleviare l’impegno delle famiglie relativamente ai servizi erogati dal Comune”.

La deliberazione della giunta poliziana individua nel 30 giugno la scadenza per una serie di adempimenti, per primi il versamento dell’acconto TARI ed il ri-versamento dell’imposta di soggiorno relativa al 1° trimestre 2020; stesso termine per la seconda rata dell’imposta sulla pubblicità (qualora il versamento venga effettuato in rate trimestrali) e per l’adeguamento al regolamento della TOSAP con il contestuale differimento del pagamento della stessa tassa.

Con lo stesso atto il Comune di Montepulciano indica alla Montepulciano Servizi e alla ICA, società incaricate, rispettivamente, della riscossione della tassa di soggiorno, TARI e TOSAP, e dell’imposta sulla pubblicità, di sospendere fino al 31 maggio i termini relativi alle attività di liquidazione, controllo, accertamento e contenzioso.