Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

I Licei Poliziani premiati a Didacta per il progetto di realtà aumentata

MONTEPULCIANO.  Gli studenti delle classi 4B e 5A del Liceo Scientifico Scienze Applicate dei Licei Poliziani, guidati dalla professoressa Sonia Casini, sono stati premiati per il progetto di Realtà Aumentata a Didacta, l’annuale fiera sostenuta e coordinata da Indire, Istituto Nazionale Documentazione Ricerca Educativa, che coinvolge il mondo dell’educazione del nostro Paese. Dal 9 all’11 ottobre, nella Fortezza da Basso di Firenze, numerosi enti hanno partecipato all’evento con molte offerte formative e didattiche tra cui il MIUR, CNR, Regione Toscana, Unioncamere, UNIFI, Fondazione Intercultura e Città della Scienza.

La Regione Toscana ha promosso le eccellenze delle scuole toscane con l’iniziativa “La Toscana fa scuola” attraverso la premiazione dei progetti di eccellenza realizzati negli istituti di ogni ordine e grado e uno di questo è stato proprio il progetto ideato dai Licei Poliziani.

L’importante riconoscimento attribuito agli studenti poliziani, va a sottolineare il ruolo di eccellenza che i Licei ricoprono nel territorio toscano. Realtà aumentata è un progetto nato come una sfida ma che gli studenti hanno voluto assolutamente sviluppare e portare a termine nonostante le difficoltà incontrante nel percorso di elaborazione. Grazie alla loro creatività e alla coordinazione della professoressa Casini, i Licei Poliziani hanno dato vita ad un progetto importante che potrà trovare  applicazione in futuro in diversi ambiti lavorativi.

“Si tratta di un riconoscimento particolarmente importante, in quanto la creazione di prodotti in AR è ancora molto in divenire e quasi inesplorato nel mondo della scuola, anche per le difficoltà pratiche che comporta; significa quindi che la strada percorsa fino ad oggi dagli alunni poliziani è in linea e precorre gli orientamenti sull’innovazione digitale per l’educazione e la didattica. Il Dirigente dei Licei Poliziani Marco Mosconi ha sempre creduto in questa innovazione mettendo a disposizione dei ragazzi, materiali, strumenti e l’Aula 3.0 senza i quali niente sarebbe stato possibile. La premiazione rappresenta pertanto una rampa di lancio per una sfida che i Licei Poliziani intendono affrontare per sviluppare e applicare la realtà aumentata ad ambiti sempre più specialistici” – spiega la promotrice del progetto, la professoressa Sonia Casini

La realtà aumentata è uno strumento sempre più utilizzato all’interno delle attività didattiche per stimolare gli alunni nell’interazione e nell’apprendimento; realtà aumentata consiste nella visione, grazie ad una app, di un ambiente reale che si arricchisce con uno o più strati virtuali.