Leaderboards
Leaderboards
Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

FN: “Monteroni: poca trasparenza? Polemizza chi ci ha sguazzato per anni”

Dolci (FN) da ex Consigliere comunale interviene sulla polemica innescata da MonteroniViva circa la trasparenza degli atti nel Comune di Monteroni d’Arbia

MONTERONI D’ARBIA. “Lungi dal voler prendere le difese di una delle peggiori e più rosse amministrazioni mai viste nella storia del Comune intendo sottolineare che il problema della trasparenza degli atti amministrativi è sempre stato uno degli argomenti più dibattuti in seno al Consiglio comunale di Monteroni d’Arbia: quando il sottoscritto, negli anni 2013-2014, rivestiva l’incarico di Consigliere comunale dai banchi della (vera) opposizione, si ricorda che molti di quei signori che oggi stanno all’opposizione dietro alla lista “MonteroniViva” all’epoca erano al governo del Comune: compreso l’attuale Capogruppo, già Assessore nella Giunta del Sindaco Armini. Già si poteva fare molto per la trasparenza ma niente fu fatto” – dichiara Alessandro Dolci Segretario di FN Siena –

“Trattandosi – prosegue Dolci – di un problema annoso, tanto è vero che nel programma scritto per le amministrative del 2014 io mettevo la trasparenza al primo dei dieci punti, mi domando come mai solo oggi, dopo così tanto tempo, si levi la voce proprio da parte di chi si è giovato, negli anni di governo del Comune, di una situazione che solo oggi viene denunciata. Vero è che un passo avanti sul problema della trasparenza degli atti amministrativi era stato fatto nella precedente legislatura, sempre grazie alla opposizione, tuttavia trovo strumentali le odierne polemiche innescate da una opposizione che oggi sta in Consiglio anche con i voti del centro-destra”.

“Tanto più che, quando il sottoscritto propose a suo tempo l’adozione di un regolamento per il funzionamento del Consiglio comunale, quei signori che oggi si sollevano in nome della mancanza di trasparenza bocciarono la proposta. La coerenza in politica è importante – conclude Dolci – e fare il gioco dei falsi indignati per una situazione che si è contribuito nel passato a creare non è rispettosa dei cittadini e degli elettori”.

La Segreteria di FN Siena.