EcoMaratona del Chianti: oltre 5 mila persone da tutto il mondo

Successo confermato con tre giorni di sport e scoperta del territorio e appuntamenti competitivi e non

CASTELNUOVO BERARDENGA. Oltre 5 mila persone pronte a scoprire, a corsa o passeggiando, il territorio di Castelnuovo Berardenga e le sue eccellenze: dal paesaggio al patrimonio storico e artistico fino a quello enogastronomico. Sono quelle che da venerdì 13 fino a ieri, domenica 15 ottobre hanno partecipato all’EcoMaratona del Chianti e alle sue iniziative collaterali che hanno richiamato visitatori da oltre 20 Paesi del mondo confermando il successo di una manifestazione che dal 2006 unisce passione per lo sport, valorizzazione del territorio e destagionalizzazione dei flussi turistici.

I numeri. L’EcoMaratona del Chianti, con il suo percorso di 42 km, ha visto ai nastri di partenza ieri, domenica 15 ottobre oltre 700 persone, che hanno corso immersi nella natura castelnovina, fra vigne, colline, sentieri e strade bianche. Oltre 1.170 persone hanno scelto, invece, il Chianti Classico Trail, di 21 km, mentre oltre 500 hanno partecipato al Trail del Luca, lungo 13 km. Grandi numeri anche per l’EcoPasseggiata di 10 km, che ieri mattina ha coinvolto oltre 1.300 persone, mentre sono state oltre 700 quelle che sabato hanno unito la scoperta del territorio a quella delle sue ricchezze enogastronomiche con “Passeggiando per Cantine”, lungo un percorso di 8 km che ha toccato ville e castelli della zona, con pranzi e cene in enoteche, cantine e ristoranti locali. A chiudere il ricco programma di eventi, sono stati gli oltre 300 partecipanti all’Arceno Nordic Walking e alla Staffetta EcoChianti 5×1.200 metri.

“Castelnuovo Berardenga – commenta il sindaco, Fabrizio Nepi – è stato per tre giorni cuore pulsante di una manifestazione che da 11 anni unisce, con successo crescente, sport e promozione del territorio. Grazie alla maratona e ai suoi eventi collaterali, competitivi e non, questo evento offre un’occasione unica per scoprire la bellezza del nostro paesaggio e le sue numerose risorse con forme di turismo sostenibile che si inseriscono pienamente in un contesto naturalistico come quello castelnovino e chiantigiano. Correre non è mai stato così naturale e a sancire lo spirito della manifestazione è stato l’arrivo dei due podisti che ieri hanno tagliato il traguardo tenendosi per mano, nel nome di uno sport sano e rispettoso dell’avversario. Ringrazio ancora una volta tutta la macchina organizzativa, i volontari coinvolti e le associazioni castelnovine che anche quest’anno hanno contribuito al successo della manifestazione, che si consolida come evento di richiamo, accanto a esperienze altrettanto positive quali Dit’Unto, per destagionalizzare l’arrivo di visitatori e le presenze sul nostro territorio”.