Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

All’Accabì confronto con la città sul Piano Operativo

L’8 gennaio giornata di ascolto gestita dalla cooperativa Sociolab. Alle 14,30 workshop con i commercianti sul centro storico e alle 17,30 laboratorio di discussione aperto a tutti

POGGIBONSI. Un doppio incontro lunedì 8 gennaio presso l’Accabì-Hospitalburresi. Nel pomeriggio si svolgerà infatti “Abbiamo un piano”, giornata di ascolto nell’ambito del percorso avviato dal Comune per la redazione del nuovo Piano Operativo (ex Regolamento Urbanistico) a cui operatori socio-economici, associazioni e cittadini sono invitati a partecipare.

Il Piano Operativo è lo strumento urbanistico che individua e regola gli interventi di tutela, valorizzazione, organizzazione e trasformazione del territorio, in coerenza con le strategie previste nel Piano Strutturale già approvato.  Le priorità del Piano sono il recupero del patrimonio insediativo esistente e la riqualificazione della struttura urbana, la rivitalizzazione e il rilancio del tessuto socio-economico nel rispetto dei valori del territorio, il recupero delle aree degradate attraverso processi di rigenerazione per attrarre nuove destinazioni, la riqualificazione degli insediamenti evitando nuovo consumo di suolo, la rivitalizzazione del sistema delle centralità urbane, in qualità di spazi pubblici identitari e “porte” della città e del territorio. Obiettivi che possono essere ricondotti ad alcuni grandi temi, sui quali l’Amministrazione chiama la cittadinanza a confrontarsi: la città pubblica, rivitalizzare il centro, rigenerare la città, la campagna, le comunità di Staggia Senese e Bellavista. Ed ecco che lunedì alle 14.30 è previsto un incontro specificamente dedicato al centro storico di Poggibonsi, un workshop che coinvolgerà i commercianti. A partire dalle 17.30 l’incontro sarà aperto invece a tutti i cittadini, che saranno guidati dai facilitatori di Sociolab (la cooperativa incaricata di gestire questo appuntamento) attraverso un percorso di approfondimento dei temi principali del Piano. I facilitatori guideranno i partecipanti e raccoglieranno dalla diretta voce dei cittadini le osservazioni e le proposte. Laboratori di discussione che confluiranno nella stesura della bozza di Piano. A questo scopo è stata realizzata anche una piccola guida, già a disposizione per chi è interessato.

Il percorso per giungere alla formazione del nuovo Piano ha avuto inizio con l’atto di avvio del procedimento. Un passo formale su cui si è avviato il percorso di studi specialistici e tutto il complesso procedimento che giunge adesso alla giornata di coinvolgimento della cittadinanza, per raccogliere spunti e osservazioni che possano arricchire gli indirizzi di governo del territorio.