Alberature, nuovi interventi a Poggibonsi

Investimento di oltre 60mila euro che interessa circa cento piante (su 3000 censite nella prima fase), perlopiù esemplari singoli, che saranno oggetto di operazioni mirate

POGGIBONSI. Prende il via una nuova fase di intervento sulle alberature del territorio, legata ai dati emersi dalla prima tranche del censimento effettuato. “C’è un’attenzione costante, frutto della normale manutenzione del verde e di progetti mirati a prendersi cura di particolari situazioni – dice il vicesindaco e assessore a lavori pubblici e manutenzioni Silvano Becattelli –  Abbiamo potenziato questo impegno chiedendo il censimento delle piante presenti che rientra nell’appalto in corso, biennale e ormai prossimo alla scadenza. Sulla base risultati della prima fase del censimento ci siamo mossi programmando i prossimi interventi”.  L’Amministrazione infatti si occupa del verde pubblico prima di tutto tramite l’appalto sulla manutenzione a cui in questi anni si sono aggiunti interventi mirati come quello sui platani in via San Gimignano ma anche sulle magnolie in via Borgo Marturi e in via XX settembre, sui pini di via del Pollaiolo a Staggia, sugli alberi della strada di San Lucchese e sui resedi scolastici. Nell’ambito dell’appalto in essere, come impegno della ditta appaltante, è stato richiesto il censimento e la rilevazione delle piante nei giardini pubblici e delle scuole, compresa la valutazione delle condizioni vegetative delle medesime.

La prima tranche del censimento ha riguardato circa 3000 alberature e, su circa cento,  sono emerse criticità oggetto di apposito incarico ad un professionista per approfondire le informazioni, circoscrivere problemi e individuare soluzioni. Sulla base della diagnosi è stato definito un progetto di intervento che nelle prossime settimane diventerà operativo. Delle circa cento alberature sotto attenzione alcune saranno potate, con interventi mirati indicati dall’agronomo, altre saranno abbattute e sostituite, altre ancora saranno abbattute poiché impossibile e non opportuna una loro sostituzione. “Si tratta di diversi tipi di alberature, perlopiù esemplari singoli dislocati su molteplici aree del territorio”, dice Becattelli. Complessivamente il progetto si traduce in un investimento di oltre 60mila euro di cui fa parte l’intervento di potatura, abbattimento, sostituzione e presa in carico per due anni dei nuovi esemplari (complessivamente 58). Nel frattempo, proprio in questi giorni, il censimento sulle alberature si è completato e darà il via a ulteriori approfondimenti.

“Un’operazione di medio termine con cui procediamo gradualmente a rinnovare gli alberi del territorio. In via Redipuglia abbiamo piantato circa 70 nuovi alberi – dice Becattelli – e la strada anche per questo ha un nuovo volto, per quanto ancora le piante sono piccole. Ciò non toglie che le alberature debbano essere curate e se vi sono motivi di sicurezza, vanno tolte e se possibile sostituite con piante più giovani e più adatte. Questo l’impegno portato avanti finora e che rinnoviamo per il prossimo periodo con un programma ancor più strutturato e fondato su un quadro generale di tutto il territorio”.