Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Nessun problema alla partita: solo due albanesi colpiti da Daspo

Durante il secondo tempo hanno cercato di scavalcare la recinzione dello stadio antistante la curva Robur

SIENA. Si è conclusa senza particolari problemi di ordine pubblico la prima gara casalinga del Siena svoltasi ieri (18 settembre) al Franchi e seguita con particolare attenzione dalle Forze dell’Ordine.
I servizi preventivi pianificati, estesi anche alle strade utilizzabili dalla tifoseria juventina – proveniente da tutta la penisola – hanno scoraggiato l’arrivo allo stadio di tifosi privi di tagliando o in possesso di artifizi pirotecnici ed oggetti atti ad offendere.
Gli steward, in conformità alla normativa vigente, hanno effettuato tutte le attività di bonifica, accoglienza, indirizzamento, osservazione e controllo accessi nei confronti di tutti i tifosi, ospiti e locali, che hanno fatto ingresso allo stadio, previa verifica della titolarità del biglietto.
L’unico intervento di rilievo da segnalare riguarda 2 cittadini albanesi, regolarmente soggiornanti nella nostra Provincia, che, all’inizio del secondo tempo – sprovvisti di biglietto d’ingresso – hanno scavalcato la recinzione dello stadio antistante la curva Robur ma sono stati prontamente intercettati da personale della Squadra tifoseria della DIGOS, che li ha fermati.
I due R.E. di anni 26, e H.S., di anni 50, entrambi incensurati e domiciliati in Poggibonsi, sono stati accompagnati in Questura, sottoposti agli accertamenti di rito e denunciati in stato di libertà; entrambi verranno sottoposti a DASPO.