Leaderboards
Leaderboards
Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Test prenalali, migliora l’offerta delle Scotte

SIENA. Cresce la possibilità di effettuare test genetici prenatali al policlinico Santa Maria alle Scotte. In un anno è stata quadruplicata l’offerta dei test genetici prenatali eseguiti su prelievo dei villi coriali, un’analisi che può essere effettuata tra la 11^ e la 12^ settimana di gestazione grazie ad un prelievo analizzato presso l’U.O.C. Genetica
Medica, diretta dalla professoressa Alessandra Renieri ed effettuato presso il Centro Diagnosi Prenatale, coordinato dal professor Giovanni Centini.
“Grazie al processo di riorganizzazione dei laboratori – spiega la professoressa Renieri – le attività di citogenetica sono state riunite con le attività di genetica molecolare nel maggio 2008. Ad un anno di distanza siamo molto soddisfatti dei risultati raggiunti e delle opportunità offerte ai futuri genitori considerando anche che la genetica senese, soprattutto per l’analisi dei villi coriali, è centro di riferimento non solo per Siena ma anche per Arezzo e Grosseto”.
I test genetici prenatali su prelievo di villi coriali sono passati da una media di 4 al mese ad una media di 16 al mese, mantenendo stabile il numero di test genetici mensili su amniocentesi, che possono essere effettuati nel secondo trimestre a partire dalla 15^ settimana di gestazione. “Inoltre – continua Renieri – è stato ottimizzato il servizio prenotazioni di villocentesi e amniocentesi, mettendo a disposizione il numero 0577 585316, attivo dalle ore 9 alle 19, dal lunedì al venerdì, per permettere agli utenti di essere costantemente informati sull’offerta di diagnosi prenatale”. E’ stato potenziato il numero dei medici dedicati alle attività di consulenza genetica prenatale e le donne in gravidanza possono ricevere tutte le notizie necessarie per la scelta consapevole del tipo di test genetico da eseguire, con le informazioni su limiti e vantaggi dei diversi esami. “Infine – conclude Renieri – è stato
introdotto l’utilizzo del test genetico prenatale di QF-PCR che dà la possibilità di avere una risposta in 48 ore dall’esecuzione del prelievo di villocentesi o amniocentesi”.