La tecnologia cambia il lavoro dell’infermiere

Saccardi: "Puntiamo su modelli assistenziali sempre più innovativi e valorizzanti le professioni"

FIRENZE. Si è tenuto all’Auditorium Sant’Apollonia di Firenze il convegno di Aico su “Il futuro dell’assistenza infermieristica in camera operatoria”.

Aico è l’’Associazione Italiana Infermieri in Camera Operatoria ed il suo presidente in Toscana è Claudio Marnetto, Coordinatore Infermieristico del Blocco Operatorio  Ausl 8 Arezzo.

Una giornata di approfondimento per capire come il progresso tecnologico che ha coinvolto la sanità, ha cambiato e sta cambiando in maniera sostanziale anche il lavoro degli infermieri.

“Nella legge di organizzazione del Servizio Sanitario Regionale – ha spiegato nel suo intervento introduttivo l’Assessore Regionale al Diritto alla salute, al welfare e all’integrazione socio-sanitaria e sport Stefania Saccardi -l’impegno richiesto alla professione infermieristica ha trovato rispondenza nell’affermazione del ruolo e della responsabilità della professione, istituendo i Dipartimenti infermieristici e ostetrici. L’agire professionale infermieristico si delinea oggi in un panorama sanitario ampio e complesso, condizionato da profondi cambiamenti a diversi livelli; l’infermiere ha modificato il proprio ruolo e le proprie funzioni, rendendoli sempre più dinamici e multidisciplinari”.

I contenuti di questo convegno ben rappresentano il percorso strategico intrapreso da Regione Toscana, – ha continuato Stefania Saccardi – che prevede la creazione di percorsi clinico-assistenziali in grado di garantire l’integrazione e il coordinamento delle cure e la valorizzazione delle competenze dei professionisti coinvolti”.

 “E’ nell’ambito di questi percorsi – ha concluso l’Assessore – che potranno assumere un ruolo crescente le professioni sanitarie alla base di un lavoro in équipe nel rispetto delle diverse competenze e responsabilità. Nel farvi i complimenti per il lavoro fatto, confidando nella vostra capacità di sostenere un SSR in cambiamento e aggiornamento continuo, nel rispetto delle altre professioni, cercheremo di mettere a disposizione come Regione Toscana modelli assistenziali sempre più innovativi e valorizzanti le professioni per essere più adeguati ai bisogni dei cittadini”.

“Spesso il cittadino – spiega Claudio Marnetto presidente di Aico Toscana – non ha la piena percezione del lavoro dell’infermiere fra delle figure professionali che lavorano nella sanità. Il livello di preparazione le competenze richieste oggi si evolvono continuamente. Il lavoro di equipe e la multidisciplinarità, come ha detto l’assessore Saccardi, sono esigenze ineludibili. Mi fa piacere questa rinnovata attenzione delle istituzioni alla nostra professione”.

Nel suo atteso intervento, il professor Domenico Andrea Campanacci,  direttore della Struttura Complessa di Ortopedia Oncologica e Ricostruttiva dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Careggi di Firenze, ha presentato la nuova tecnologia, già in uso in alcuni centri di eccellenza italiani, che permette di realizzare protesi su misura con la stampante 3D e la polvere di titanio. La protesi «Custom Made» viene progettata attraverso l’interazione tra chirurghi ed ingegneri che definiscono tutte le caratteristiche e questi impianti – ha spiegato il professore – rappresentano un cambiamento di paradigma per le industrie di dispositivi medici, per i chirurghi ed i pazienti. Saranno necessarie, quindi, nuove normative, una sempre maggiore sinergia fra ingegneri e chirurghi perché, ha detto, “Ogni singolo impianto Custom Made rappresenta un progetto di ricerca”.

Nel suo intervento ha anche spiegato come se questa tecnologia rappresenta già il presente della chirurgia ortopedia ricostruttiva, il futuro è rappresentato da una nuova innovazione passando dalla ricostruzione alla rigenerazione, l’obiettivo sarà  riuscire a realizzare tessuto osseo stampato in 3D.

“Ringrazio i professori, i dirigenti sanitari, i professionisti che sono intervenuti, gli sponsor e tutte le istituzioni per la disponibilità che abbiamo incontrato nel realizzare questo convegno – ha concluso Claudio Marnetto presidente di Aico Toscana – E’ stata un’esperienza molto positiva che sicuramente ripeteremo”.

Il convegno Regionale di Aico è stato patrocinato da: Regione Toscana, Servizio Sanitario della Toscana, Azienda Usl Toscana Sud Est e Opi (Ordine professioni infermieristiche Firenze – Pistoia.