Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

“Presente e futuro della terra e dell’uomo”: incontri del Comitato Siena 2

Il primo appuntamento è per giovedì 16 gennaio con i docenti Massimo Mazzini e Ettore Pacini con l’intervento “Cambiamenti climatici: allarme per la vita sulla Terra

SIENA.  “Presente e Futuro della Terra e dell’Uomo – Incontri per conoscere, capire, agire”. Con questo titolo, grazie all’impegno e alla collaborazione di numerosi enti e associazioni di volontariato, il Comitato Siena 2 ha  organizzato, con il patrocinio del Comune di Siena, un ciclo di appuntamenti pubblici (tutti in orario 17-19), con studiosi, esperti, tecnici, divulgatori scientifici.    

Gli incontri spazieranno sui temi più diversi: dal clima alla biodiversità, dall’energia all’agricoltura, dall’inquinamento marino all’inquinamento dell’aria.

“Un approccio scientificamente corretto – spiega Giordano Chechi  del Comitato Siena 2 –  per far comprendere e far crescere la consapevolezza sul presente e futuro del nostro pianeta. L’aumento delle temperature, i fenomeni climatici estremi, l’innalzamento del livello dei mari, la crescente desertificazione, gli incendi sempre più devastanti, la riduzione della biodiversità richiedono infatti risposte adeguate ed urgenti. E le istituzioni locali, nazionali ed internazionali devono sviluppare concrete politiche che permettano di rimuovere le cause di una situazione sempre più insostenibile. Ma è essenziale che questa consapevolezza cresca in ogni cittadino, associazione, ente, partito, sindacato”.

Durante gli incontri sarà possibile confrontarsi anche su ipotesi di impegno concreto, a partire dall’analisi dei comportamenti e abitudini quotidiane, così da poter contribuire allo sviluppo di idonee politiche economiche, sociali e ambientali.          

Il ciclo di incontri organizzato nell’Auditorium di piazza della Costituzione a San Miniato (Siena) sarà anche l’occasione per conoscere i nuovi locali che il Comune sicuramente vorrà valorizzare e mettere a disposizione del quartiere e della città.

Il primo appuntamento è fissato per giovedì 16 gennaio dalle ore 17 alle 19 con i docenti universitari Massimo Mazzini e Ettore Pacini con l’intervento “Cambiamenti climatici: allarme per la vita sulla Terra”.

A seguire, il 30 gennaio il naturalista Martino Danielli e il biologo Marco Galaverni parleranno di “Riduzione della biodiversità: pericolo per gli equilibri naturali”; il 13 febbraio Claudia Angiolini dell’Università di Siena e Andrea Benocci dell’Accademia dei Fisiocritici porteranno all’attenzione del pubblico “La biodiversità vegetale e animale a Siena: tendenze e prospettive”;   il 27 febbraio “Agricoltura e alimentazione umana: desertificazione, carenza di acqua, nuovi cibi” con Anna Maria Fausto dell’Università della Tuscia e Giuseppe Pollio esperto dialimentazione e ambiente; il 12 marzo Bernardo Giorgi, agricoltore, Elisabetta Ricci, insegnante, e Pietro Romano, esperto di orti urbani, parleranno di “Alimentazione consapevole: consumatori di tutto il mondo uniti contro l’ecocidio”. Presentazione di suggerimenti alimentari e proposte di letture”; il 26 marzo gli interventi delle docenti universitarie Enrica Franchi e Letizia Marsili su “La grande scommessa: salvare il mare dalla contaminazione e dal sovrasfruttamento delle sue risorse ittiche”; il 16 aprile a relazionare su “Emergenza plastiche: un immenso, invisibile pericolo planetario” saranno Cristina Fossi dell’Ateneo senese e l’insegnante Elisabetta Ricci; focus su “Tra crisi energetica e crisi climatica: quale energia per il futuro” il 14 maggio con Ugo Bardi dell’Università di Firenze, Paolo Ermani presidente dell’Associazione Paea e Alessandro Vigni esperto di politiche energetiche; infine, il 28 maggio, Stefano Maggi dell’Ateneo senese, Alberto Paggetti esperto di mobilità ciclabile e l’insegnante Elisabetta Ricci  parleranno di “Cambiamo abitudini per salvare il futuro dei nostri figli e nipoti: pratiche virtuose, il nostro stile di vita”.

Durante il periodo dello svolgimento degli incontri, tutti ad ingresso libero, saranno organizzate delle gite al Museo Nazionale dell’Antartide, al Museo della Biodiversità di Monticiano, all’Osservatorio Astronomico Provinciale di Montarrenti.