Direttore responsabile Raffaella Zelia Ruscitto

Oltre 1000 visitatori negli impianti di Sienambiente

Successo di adesioni alle visite teatralizzate sulla raccolta differenziata

SIENA. Per scoprire cosa c’è oltre la raccolta differenziata, nel 2019, negli impianti di Sienambiente sono arrivati oltre 1000 studenti la maggior parte dei quali ha aderito al progetto delle visite teatralizzate, il nuovo format ideato per spiegare in modo chiaro e divertente ai bambini i benefici del riciclo e dell’economia circolare. Numeri che dimostrano e confermano il grande interesse e la curiosità del mondo della scuola, e non solo, nei confronti del settore dei rifiuti e della loro gestione nella parte più nascosta, quella a valle della raccolta differenziata, che vuol dire: riciclo, compostaggio, recupero di energia e smaltimento in discarica.

Gli impianti visitati sono stati il termovalorizzatore, le Cortine, la discarica e l’impianto di compostaggio di Poggio alla Billa. A varcare i cancelli del termovalorizzatore di Foci (Poggibonsi) dove i rifiuti non riciclabili e riutilizzabili vengono trasformati in energia, sono stati in 300. Nell’impianto di compostaggio e discarica di Poggio alla Billa, sono arrivate 5 classi di scuole e un centinaio di visitatori. Il sito operativo più visitato (500 persone) è stato quello delle Cortine dove vengono gestiti tutti i rifiuti provenienti dalle raccolte differenziate della provincia di Siena.

E’ proprio alle Cortine che sono state attivate da 2 anni le visite teatralizzate, un percorso di conoscenza delle attività impiantistiche ideato e realizzato in collaborazione l’associazione Straligut teatro, per spiegare in modo diretto agli alunni delle primarie e delle secondarie anche i concetti più complessi. Dopo una breve lezione sulle principali caratteristiche dell’impianto, il format prevede l’incontro degli studenti con tre “personaggi”: l’anziana signora che pensa che tutti i rifiuti finiscono in discarica, salvo poi ricredersi dopo aver visto il lavoro nell’impianto; la simpatica contadina, utilizzatrice del compost di Sienambiente, di cui loda le caratteristiche e le proprietà nutritive; infine, un “oggetto parlante” (una bottiglia di plastica), che racconta il suo viaggio da oggetto a nuovo oggetto, verso una nuova vita, quella permessa appunto dal riciclo. Terminata la parte animata della visita ai docenti viene consegnato un kit didattico con informazioni, curiosità e quiz da utilizzare come strumento di verifica dell’acquisizione delle informazioni fornite. A supporto delle visite teatralizzate, sul sito web di Sienambiente, sono infine a disposizione delle schede che illustrano il modo in cui grazie all’impianto delle Cortine i rifiuti possono ritrovare valore come nuova materia prima per produrre nuovi oggetti, realizzando in questo modo una parte importante della filiera dell’economia circolare.