“Geotermia: non è una questione di Zone, ma di Vita e Futuro”

Comitati sul piede di guerra contro la zonazione decisa dalla Regione Toscana

AMIATA. Da Ret Nogesi riceviamo e pubblichiamo.

“La Quarta Commissione Ambiente e Territorio della Regione Regione Toscana ha varato la cosiddetta Zonazione per quanto riguarda l’installazione di nuove Centrali Geotermiche sul suo territorio. Si tratterebbe di un percorso che prevederebbe la creazione di aree idonee ed aree non idonee per la costruzione di centrali geotermiche, ovvero l’individuazione di aree in cui costruire centrali ed aree in cui non costruirle.
In poche parole Enrico Rossi e la sua amministrazione vorrebbero decretare l’esistenza di territori di serie A e territori di serie B. Vorrebbero dividere questa regione e i suoi territori in aree sacrificabili e non sacrificabili. Pensano di lacerare la lotta dei territori promettendo ad alcuni la “salvezza” a discapito di altri.

Siamo contenti nel constatare che le istituzioni toscane siano state obbligate, dalla mobilitazione che tutti i comitati e cittadini toscani hanno saputo mettere in campo, a ritornare sui propri passi rispetto ai loro progetti di sfruttamento geotermico. Ci dispiace però informarle che noi, non soffrendo di sindrome Nimby (acronimo inglese per Not In My Back Yard, cioè “Non nel mio cortile”), rigettiamo in toto questa impostazione.
Che non cadiamo nel loro tranello. Non ci facciamo dividere nè spaccare da una lusinga. Noi riteniamo che nessun territorio sia sacrificabile; che la nostra montagna e i territori ad essa vicini vadano difesi in toto dagli affaristi e dal partito trasversale degli affari.
Che non permetteremo la distruzione di un territorio, della sua economia e della sua vita per garantire il profitto di pochi.

L’ecosistema montagna influenza un largo territorio: dalla montagna fino al mare viviamo di essa, delle sue acque, dei suoi boschi, della sua aria. Se muore un’intera montagna, muore tutto quello che le sta intorno, che la morte sia portata da una discarica alle sue pendici, o che derivi dalle Centrali geotermiche. Vogliono devastarla e dominarla per permettere il profitto di pochi a discapito della salute e della vita dei più. Alla devastazione dettata dal profitto opponiamo la collaborazione e la solidarietà tra territori, non saremo complici.
Ci sono delle parti ben definite e contrapposte in campo. Da una parte ci sono gli abitanti che si scontrano contro i poteri economici, e dall’altra coloro che favoriscono gli interessi economici di pochi rispetto alla salute e alla possibilità di lavoro di tutti. Dalla montagna fino al mare, non permetteremo questa devastazione.

E’ una questione economica, e lo dimostra per esempio l’Amiata grossetano, territorio in cui vivono la maggior parte dei cittadini che sono attivi nei Comitati che danno vita alla Rete Centrali Zero:
– nell’Amiata Grossetano tra il 2002 e il 2015 sono stati erogati quasi
100 milioni di euro di Contributi UE per l’Agricoltura;
– tra il 2007 e il 2013 ci sono stati:
– investimenti legati al PSR per più di 21 Milioni di euro, con quasi
11 milioni di Contributo Pubblico.
– nuovi 40 Giovani Agricoltori insediati.
– 96 nuovi Progetti Agricoli (cantine, frantoi, stalle, etc).
– 103 Progetti di Investimento nel settore Castanicolo e Forestale.
– Nell’Amiata Grossetano c’è un’azienda agricola ogni 7 persone.

Solo investendo intelligenza, amore, impegno – e alla fine anche economia – si può fare di questa nostra Terra ciò che vogliono tutte e tutti le amiatine, così come i cittadini della Val d’Elsa, della Maremma, della Val d’Orcia e di tutta la Toscana: un’oasi di bellezza e qualità, in cui agricoltura, turismo e cultura siano a misura di donna, di uomo, di bambina e di bambino. Noi viviamo di Agricoltura, Natura e Cultura di una Terra Antica.
Questi territori non sono e non possono diventare un Distretto Industriale. Essi hanno bisogno di essere liberi da veleni per esprimere il loro potenziale. Questa terra ha bisogno di Aria, Terra e Acqua pulita. Ha bisogno di Vita
Non ha bisogno del partito trasversale degli Affari, dei suoi patti, dei suoi accordi economici.
Per questo diciamo a gran voce che non esistono territori sacrificabili e che non accettiamo la Zonazione che la Regione Toscana propone. Basta Centrali, Basta Veleni. Soluzione? Centrali Zero

Rete Centrali Zero: (https://retecentralizero.noblogs.org)
Comitato Agorà CittadinanzAttiva di Monticello Amiata (http://agorattiva.noblogs.org/)
Comitato MaremmAttiva di Pitigliano – Sorano (https://www.facebook.com/maremmattiva)
Comitato No Geotermia di Seggiano (https://www.facebook.com/NO-Geotermia-Seggiano-1486765054930568/)
Comitato Fumarole (https://fumarole.noblogs.org/)
Genuino Amiatino (https://genuinoamiatino.noblogs.org/).”